Pocho, il cane poliziotto che la camorra vuole uccidere: c'è una taglia sul suo "naso"

Domenica 28 Ottobre 2018 di Luca Calboni
Pocho, il cane poliziotto che la camorra vuole uccidere: c'è una taglia sul suo
La Camorra ha un nuovo nemico. È Pocho. Non l'indimenticato ex giocatore del Napoli Ezequiel Lavezzi, ma di un cane antodroga di nove anni. Non un quadrupede qualsiasi, ma un Jack Russell addestrato a fiutare e scovare la droga di Napoli.

LEGGI ANCHE Investe un uomo con problemi di deambulazione e scappa: è caccia al pirata della strada




Sono già centinaia i chili di stupefacenti che il cagnolino in forza alla Questura di Napoli è riuscito a scovare durante le varie perquisizioni: secondo una stima, da quando è in servizio, Pocho ha portato alla scoperta di un totale di oltre due tonnellate di stupefacenti, facendo andare in fumo diversi milioni di euro ai clan e facendo andare su tutte le furie i boss. La droga può essere nascosta ovunque, ma Pocho la troverà: una volta il cane è riuscito a fiutare della cocaina che era nascosta dentro un biberon per neonati al posto del latte.

Vista la pericolosità del Jack Russell per il malaffare, si vocifera che i clan locali siano arrivati addirittura a porre sulla testa del cane poliziotto una taglia, con l'obiettivo di farlo fuori in ogni modo: polpette avvelenate, cagnoline in calore per sedurlo, cibo contenente droga, i pusher hanno provato di tutto. Ma durante l'addestramento gli agenti hanno insegnato a Pocho a essere integerrimo sul posto di lavoro e finora tutti i tentativi messi in atto dai criminali per sbarazzarsi del loro nemico numero uno hanno fallito. 

La sua piccola taglia e l'agilità della razza hanno reso Pocho uno dei migliori cani poliziotto al servizio dello Stato, il tutto senza costare nulla alla Polizia: al cagnolino basta un biscotto - premio ed è pronto a colpire nuovamente il malaffare.
  Ultimo aggiornamento: 29 Ottobre, 12:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani