Elefantino smarrito si avvicina ad un bar. Invece di essere soccorso viene preso a calci e pugni

Sabato 19 Ottobre 2019 di Remo Sabatini
2
L'elefantino smarrito preso a calci dagli avventori di un bar (immagini pubblicate su Fb da Botswana Safari News)
Le immagini si commentano da sole. Raccontano di una vicenda triste che ha visto coinvolti un gruppo di persone e un cucciolo di elefante talmente minuto da sembrare un cagnolone con la proboscide. Siamo nella periferia di Kazungula, cittadina che è poco più di un villaggio, al confine tra Zambia e Botswana. E' notte e le luci di qualche rara automobile illuminano la facciata di un bar. Lì, alcune persone fuori dal locale, vedono arrivare un cucciolo di elefante. Il piccolo sembra smarrito e alla ricerca della madre. Forse, quelle luci e quei rumori, lo hanno confuso.

Disperato, cerca di farsi strada. Come volesse entrare nel bar per cercare aiuto e conforto, continua ad avvicinarsi. Ed è proprio in quel momento che la vicenda si fa seria. Sì perchè di quella tenerezza innata che, soprattutto i cuccioli suscitano, in qualcuno dei presenti non vi è traccia alcuna. Tanto che, incredibilmente, il piccolo viene preso a calci e poi a schiaffi e pugni.

La scena, ripresa da uno degli avventori e pubblicata dal Botswana Safari News sui social, è talmente squallida che la rabbia lascia il posto alla tristezza. E poco importa se, quegli aggressori sciagurati, fossero ubriachi o meno. Quell'aggressione gratuita contro un esserino inerme e terrorizzato, colpisce ben più di quei calci, di quei pugni. Il filmato, dopo pochi attimi, si interrompe. La speranza è che quel cucciolo, possa essersi allontanato e che, soprattutto, sia riuscito a ricongiungersi al branco. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lozzi e il derby dei Casamonica, da Virginia solo una passerella

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma