Tribunale senza spazi, attrezzata un'aula per grandi processi dopo la telefonata del ministro Cartabia

Il ministro della Giustizia, Marta Cartabia. Tribunale senza spazi, attrezzata un'aula per grandi processi dopo la telefonata del ministro Cartabia
di Teodora Poeta
2 Minuti di Lettura

La telefonata della ministra della Giustizia Marta Cartabia all’anziana mamma del 32enne morto in un incidente sul lavoro a maggio del 2017 alla Metalferro di Castelnuovo Vomano e il cui processo ai 5 imputati è iniziato a stendo ha già iniziato a smuovere le acque al Tribunale di Teramo.
 

Detenuto suicida in carcere: aveva chiesto più volte l'estradizione. Capece (Sappe): «Eliminare l'ozio nelle celle»

Nell’aula al primo piano “Falcone Borselli”, dove solitamente si celebrano i processi in Corte d’Assise e quelli con il maggior numero di parti, infatti, guarda caso proprio adesso si è provveduto ad una serie di attività sulla scorta delle linee guida del provvedimento del presidente del tribunale dello scorso 5 febbraio. In particolare sono stati installati 8 microfoni wireless che vanno ad aggiungersi a quelli esistenti per un totale di 14 microfoni; 8 nuove postazioni per gli avvocati con scrittoio a bracciolo nonché tavolo tipo dattilo ogni due postazioni a distanza maggiore di un metro e mezzo; sono stati redistribuiti i posti per il pubblico e gli imputati con la segnaletica e la dovuta distanza, per un totale di 32 posti; collocate le paratie in plexiglass per la divisione delle 4 postazioni dotate di microfono fisso mentre l’aula è stata dotata di paratie in plexiglass per la divisione delle postazioni degli 8 giudici popolari per la celebrazione dei processi in Corte d’Assise. A questo punto non resta, quindi, che riprendere con le udienze.

Giovedì 25 Marzo 2021, 22:17 - Ultimo aggiornamento: 26 Marzo, 09:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA