Giovane “picchiato", poi ci ripensa: «Sono caduto dal motorino». Scatta l'inchiesta

Giovane “picchiato", poi ci ripensa: «Sono caduto dal motorino». Scatta l'inchiesta
1 Minuto di Lettura
Martedì 1 Ottobre 2019, 10:02

E' mistero sull'aggressione ai danni di un 20enne pescarese, avvenuta la notte fra sabato e domenica, in piazza Santa Caterina. Il ragazzo, che ha riportato diverse contusioni, appena soccorso ha riferito di essere stato picchiato da un gruppo di persone sconosciute, che erano nella zona dei giardinetti. Insomma, stava tranquillamente camminando per i fatti suoi quando sarebbe stato malmenato. Ma poco dopo essere stato accompagnato dai sanitari del 118 al pronto soccorso, il giovane si è dileguato per poi poi tornare nel pomeriggio raccontando a medici e infermieri tutta un'altra storia. Ossia di essere caduto dallo scooter. Medicato, è stato dimesso con sette giorni di prognosi. Questo cambiamento repentino di versione insieme al suo strano atteggiamento naturalmente non ha convinto affatto gli investigatori, che hanno ora avviato accertamenti per capire cosa sia realmente successo in piazza Santa Caterina, dove, alle 4.15 del mattino di domenica, è stato trovato sanguinante. Contusioni non di certo provocate da un incidente in scooter. Non si esclude che possa essere stato minacciato e intimorito da qualcuno o più di qualcuno che non vuole che esca la verità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA