Coronavirus, contagiati mentre lavorano: Valter muore, il collega esce dalla terapia intensiva

Valter Palusci Coronavirus, contagiati mentre lavorano: lui muore, il collega esce dalla terapia intensiva
di Alessandra Di Filippo
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 22 Aprile 2020, 09:57 - Ultimo aggiornamento: 14:50

Coronavirus, è morto il messo comunale di Città Sant'Angelo, in provincia di Pescara: Valter Palusci. Palusci, che aveva 64 anni, è deceduto  all'ospedale civile di Pescara dov'era ricoverato già da diversi giorni. E' stato uno fra i primi cittadini del centro abruzzese ad essere rimasto contagiato.

Stando a chi lo conosceva, avrebbe contratto il Covid durante il suo lavoro che lo portava ad avere tanti contatti sociali. Oltre a lui, risultato positivo anche un collega, estubato appena qualche giorno fa. Per Palusci, invece, non c'è stato nulla da fare. A piangerlo ieri tutto il paese, che si è stretto attorno alla moglie Daveiba,  ai cinque figli: Pierpaolo, Silvia, Stefano, Riccardo e Diego, quest'ultimo giocatore nella Renato Curi Angolana; al fratello Gino, storico vigile urbano di Città Sant'Angelo. «Sarai sempre il nostro gigante buono e onesto che ha combattutto come un leone», è scritto al centro del manifesto funebre.

Ieri, appena appresa la notizia, il sindaco Matteo Perazzetti ha voluto dedicargli un pensiero a nome di tutta l'amministrazione comunale. «Ci sono persone – ha scritto in un lungo post su facebook - che accompagnano quotidianamente la nostra vita, riempiendo le giornate con gentilezza, sorrisi, sacrifici, dedizione al lavoro e rispetto. Valter Palusci era una di queste. Per tanti anni ha lavorato negli uffici del nostro comune, svolgendo sempre un ottimo operato. Valter si è continuamente contraddistinto per signorilità e capacità, mettendosi a disposizione di tutti, in ogni momento e in ogni occasione. Una vera colonna portante per tutti quanti noi. Città Sant’Angelo, da oggi, perde un punto di riferimento e un infaticabile lavoratore». Le esequie, in forma strettamente privata, si svolgeranno domani (giovedì 23 aprile) , nel cimitero Villa Cipressi.



Palusci fra l'altro risiedeva da sempre con la sua famiglia nella zona di Villa Cipressi. Città Sant'Angelo, sin dall'inizio, è stato uno dei paesi del Pescarese più colpito dal coronavirus: è il quarto centro, dopo Pescara, Montesilvano e Penne, in cui si è registrato il maggior numero di casi. Oltre a Palusci, nelle ultime ore, sono morte, a causa del coronavirus, una 71enne e una 84enne di Pescara.

© RIPRODUZIONE RISERVATA