Il padrone muore di infarto, il cane veglia il corpo per 3 giorni: «Dignità che pochi umani hanno»

Mercoledì 5 Febbraio 2020 di Tito Di Persio
1
Il padrone muore per un infarto, il cane veglia sul corpo per 3 giorni: «Dignità che pochi umani hanno»

Si chiama Ermanno, ha 6 anni, è un meticcio maremmano. Ha vegliato per tre giorni e tre notti, senza cibo né acqua, il corpo del suo padrone morto improvvisamente. Ermanno continuava a guaire disperato. Tutto questo i vicini di Domenico Trifari, 79enne, residente a Nereto e originario di Napoli, hanno chiamato i soccorsi per segnalare che c’era qualcosa di strano. Così, i carabinieri della compagnia di Alba hanno chiamato i pompieri e il 118. I vigili del fuoco della caserma di Nereto sono intervenuti nella palazzina di via Garibaldi e hanno aperto la porta dell’appartamento in cui viveva l’anziano.

LEGGI ANCHE Teramo, sepolto il clochard morto di cancro il suo cane Rex adottato da una vicina

L’hanno trovato, sdraiato a letto, privo di vita. Con ogni probabilità era morto per un infarto fulminante. Il medico non ha potuto far altro che constatare il decesso. Domenico aveva solo il suo amico peloso. «Vivevano in simbiosi» racconta una vicina.

LEGGI ANCHE Cane salvò la vita al padrone colpito da un ictus: Bobby ora è in canile

«Quello che non dimenticherò mai - dice Melissa, volontaria dell’Oipa Teramo - è il momento in cui i veterinari della Asl gli hanno messo il collare per portarlo via per sempre dal suo amato padrone: si è girato verso l’uomo a terra, lo ha fissato per alcuni secondi con gli occhi lacrimosi, poi si è fatto mettere il collare con una compostezza e una dignità che pochi esseri viventi hanno. Con la stessa compostezza e dignità è salito con me sul Fiorino della Asl. Una volta dentro si è alzato su due zampe per guardare fuori i due finestrini posteriori del mezzo. Così per 20 chilometri. Probabilmente, ha sperato fino all’ultimo momento di poter rivedere il suo inseparabile compagno di vita. Forse per un’ultima volta - conclude Melissa - È uno di quei cani che se li guardi negli occhi te ne innamori perchè ci vedi tutta la purezza di un bambino». Ermanno ha già una storia travagliata e sfortunata alle spalle: Domenico lo aveva adottato da un canile quattro anni fa.
 

Ultimo aggiornamento: 21:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA