Tridente pedonale, beffa per 23mila scooter

Mercoledì 15 Ottobre 2014 di Lorenzo De Cicco
Nelle ore di punta in Centro storico transitano fino a 23.600 scooter e motorini, il 43% degli spostamenti del traffico privato all'interno delle Mura Aureliane.

Ma anche per loro da lunedì l'area del Tridente Mediceo sarà off-limits, così come già avvenuto per le auto a inizio agosto. È la fase 2 della pedonalizzazione del Tridentino voluta dalla giunta Marino. Ieri il sindaco ha tranquillizzato il popolo degli scooteristi capitolini: «Voglio sgombrare il campo da ogni dubbio - ha detto - Non abbiamo mai pensato di chiudere la Ztl del Centro Storico a moto e motorini. Il provvedimento riguarda esclusivamente l'area del Tridente Mediceo».



CHI ENTRA

In questa zona l'accesso e la sosta saranno consentiti solo ai residenti, gli unici che possono richiedere il permesso della nuova «Ztl A1», oltre a una manciata di auto di chi appartiene alle cosiddette «categorie speciali», vale a dire i lavoratori notturni, le macchine al servizio dei disabili, i veicoli per cerimonie religiose diretti ai luoghi di culto del quartiere. Per il resto, nel Tridentino potranno a circolare solo i mezzi del trasporto pubblico, quindi taxi, bus e ncc, e delle forze di polizia. Mentre lo scarico merci dei negozi sarà permesso sono fino alle 11 del mattino.



LA ZONA

Da lunedì poi il perimetro della neonata «Ztl A1» si allargherà rispetto a quello disegnato ad agosto: sarà inglobata l'area tra via Ripetta e Passeggiata di Ripetta e la zona compresa tra via della Mercede e via del Tritone. E cambiano anche i parcheggi: 50 posti auto sono stati tagliati su via del Babuino, ma secondo il Comune 280 saranno riservati ai residenti tra via Ripetta, Passeggiata di Ripetta, lungotevere in Augusta, viale della Trinità dei Monti, piazza della Trinità dei Monti, via Gregoriana, viale Gabriele D'Annunzio e piazza Augusto Imperatore.



GLI ORARI

Nella nuova Ztl i varchi saranno attivi dalle 6.30 alle 19 dal lunedì al venerdì. Un'ora in più quindi rispetto al Centro Storico che dal 1° novembre tornerà al vecchio orario, con chiusura alle 18. Il sabato i varchi saranno attivi dalle 10 alle 19, mentre nel centro al sabato la chiusura inizia alle 14. Con il nuovo perimetro arrivano anche i 5 nuovi accessi posizionati in via Ripetta, via Capo le Case, via Condotti, via dei Pontefici e la salita di San Sebastianello, presidiati dalle pattuglie dei vigili urbani fino al 7 gennaio prossimo, giorno in cui entreranno in funzione le telecamere dei varchi elettronici.

LE PROTESTE

Mentre residenti e commercianti preparano una class action contro le nuove misure di viabilità - sulle barricate soprattutto i negozianti di via Condotti, via Frattina e piazza di Spagna - ieri Marino è tornato a difendere la pedonalizzazione. «Appartengo alla generazione che irresponsabilmente parcheggiava a piazza del Popolo, dove a ogni ora del giorno e della notte c'erano 1.000-1.500 macchine parcheggiate - ha detto Marino - Oggi tutti noi possiamo godere di una piazza del Popolo pedonale, dove passeggiare, prendere il sole, sedersi. Credo che tra 30 anni nessuno ricorderà chi ha pedonalizzato piazza di Spagna o via del Babuino, ma tutti ne godranno».

Ultimo aggiornamento: 09:07