Uranio al poligono di Quirra, a processo otto ex comandanti per disastro ambientale

Venerdì 11 Luglio 2014
Il procuratore Domenico Fiordalisi
Alla fine il processo per il disastro ambientale sui ęveleniĽ di Quirra si farŗ. E gli imputati saranno tutti militari, gli otto ex comandanti del Poligono. Prosciolte, invece, le altre dodici persone che erano state indagate nell'inchiesta avviata nel 2011 dall'attuale capo della Procura di Tempio Pausania Domenico Fiordalisi, La decisione presa questo pomeriggio dal gup del tribunale di Lanusei, Nicola Clivio, imprime una svolta importante all'inchiesta sul poligono militare in Ogliastra, aperta nel gennaio 2011 da Fiordalisi, allora procuratore di Lanusei.



Andranno a dibattimento i generali e i colonnelli che hanno guidato il Poligono dal 2004 al 2010: Fabio Molteni, Alessio Cecchetti, Roberto Quattrociocchi, Valter Mauloni e Carlo Landi e Paolo Ricci; e i comandanti del distaccamento dell'Aeronautica di Capo San Lorenzo, Gianfranco Fois e Francesco Fulvio Ragazzon. Per tutti l'accusa √® di omissione aggravata di cautele contro infortuni e disastri. Prosciolti invece i tre membri della commissione del Ministero della Difesa, il generale Giuseppe Di Donato, il dirigente Vittorio Sabbatini e il maggiore Vincenzo Mauro. Come pure quattro esperti dell'Universit√† di Siena - Francesco Riccobono, Giuseppe Protano, Fabio Baroni e Luigi Antonello Di Lella - e due chimici della Sgs Italia - Gilberto Nobile e Gabriella Fasciani - accusati di aver ¬ęoccultato¬Ľ sostanze radioattive nelle indagini.



Proscioglimento anche per il medico del Poligono, Pierluigi Cocco (omissione dolosa e aggravata di cautele contro infortuni e disastri), l'ex sindaco di Perdasdefogu Walter Mura (ostacolo aggravato e favoreggiamento) e il responsabile del Servizio di prevenzione e protezione del Poligono, il tenente Walter Carta (omissione dolosa). A tre anni e mezzo dall'apertura dell'inchiesta e dopo quasi 15 anni di denunce interrogazioni parlamentari e commissioni di inchiesta, per accertare se intorno al poligono di Perdasdefogu, dove si svolgevano le esercitazioni militari, ci fossero sostanze tossiche come l'uranio impoverito - che secondo la pubblica accusa ha prodotto un'escalation di tumori, neonati e animali malformati e una lunga scia di morti - si va dunque al dibattimento. L'accelerazione al processo è arrivata dopo la deposizione della superperizia del prof. Mario Mariani il 4 giugno scorso, redatta su incarico del Gup.



La relazione del perito ha sostanzialmente ha escluso il disastro ambientale. Una perizia contestata e giudicata ¬ęnegligente¬Ľ da Fiordalisi. Soddisfatte le parti civili, oltre 30: ¬ęIl dibattimento ci consentir√† di provare che l'attivit√† militare ha causato disastro ambientale e danni alla salute delle popolazioni - ha dichiarato Adriano Sollai, legale dei cittadini di Villaputzu e San Vito - e che gli alti militari nulla hanno fatto per la loro tutela¬Ľ.



Fiducioso anche l'avvocato dello Stato Francesco Caput difensore degli otto rinviati a giudizio: ¬ęIn sede di udienza preliminare siamo riusciti a dimezzare i capi di imputazione - ha detto - e alla luce della superperizia siamo sicuri che l'esito finale sar√† l'assoluzione piena dei miei assistiti¬Ľ.
Ultimo aggiornamento: 12 Luglio, 15:35