Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Per la festa della Repubblica concerto dei Fiati dell'Accademia di Santa Cecilia

Orchestra dei Fiati dell'Accademia di Santa Cecilia
di Carlo Maria Ponzi
2 Minuti di Lettura
Venerdì 3 Giugno 2022, 06:35

Un concerto per celebrare il 76° anniversario della nascita della Repubblica italiana sabato 4 giugno, alle ore 17, all’Auditorium di Santa Maria in Gradi, lo ha organizzato il comitato provinciale dell’Anpi (associazione nazionale partigiani d’Italia) e la sezione Anpi studenti della Città di Viterbo, in collaborazione con il Conservatorio di Santa Cecilia e l’Università degli Studi della Tuscia.

L’esecuzione è stata affidata all’Orchestra di Fiati del Conservatorio romano, i cui membri principali sono considerati tra i migliori strumentisti di fiati a livello internazionale ed hanno collaborato con orchestre di grande prestigio tra cui la Filarmonica della Scala, la Filarmonica di Berlino, la Chicago Symphony Orchestra e la Royal Philarmonic Orchestra. In repertorio bani di Wagner, Verdi, Pizzini, Bender, Gregson, Ferran, Bernstein. Direzione dei maestri Gianfilippo Pocorobba e Antonio Pelizza. Presenta Presente Pietro Benedetti.

“Tutta la cittadinanza – affermano gli organizzatori - è invitata a partecipare a questo momento celebrativo della nascita della nostra Repubblica che ha nella Costituzione, nell’antifascismo, nella democrazia, nella libertà, nell’uguaglianza, nel diritto al lavoro, alla salute, allo studio e nella pace le sue profonde e tenaci radici”. Di rilievo la partecipazione della sezione Anpi studenti, la cui assemblea fondativa si è tenuta lo scorso 13 maggio nell’aula magna del complesso monumentale “San Carlo” di Pianoscarano dell’Università degli Studi della Tuscia. “La costituzione della sezione – hanno affermato i protagonisti - nasce per rispondere alla necessità degli studenti e delle studentesse di essere coinvolti in una ampia realtà di confronto e discussione sulle tematiche dell’antifascismo e dei valori costituzionali”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA