Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Caro carburanti, gli ambulanti in crisi: «Chiudiamo tutti». E salta pure la Fiera dell'Annunziata

La fiera dell'Annuzniata
3 Minuti di Lettura
Giovedì 10 Marzo 2022, 11:45 - Ultimo aggiornamento: 14:42

«Qui rischiamo di chiudere tutti». È sconsolato Giulio Terri, presidente di Anva Confesercenti (Associazione nazionale venditori ambulanti), davanti alla crescita senza sosta dei prezzi del carburante. Uno tsunami dagli effetti non ancora quantificabili ma in grado di mettere in ginocchio le imprese del commercio a quattro ruote nel giro di poco tempo.

Carburante oltre i 2 euro anche nella Tuscia, terra delle low cost. «Il peggio deve ancora arrivare»

«La pandemia, le restrizioni e i lunghi mesi senza poter lavorare avevano già aperto delle crepe e causato una riduzione delle imprese sul territorio vicino al 20 per cento, pensavamo di aver finito invece ora quest'altra calamità: il caro benzina è il colpo di grazia aggiunge Terri - e la cosa peggiore poi è che nessuno è in grado di dare certezze su quello che succederà da qui a qualche giorno. Lo stiamo vedendo con i prezzi ai distributori che aumentano nel giro di poche ore. Un'azienda non è in grado di sopravvivere se non può programmare».

Gli effetti immediati del caro benzina sono stalli vuoti e mercati che si svuotano: «Molti commercianti stanno già ridisegnando la mappa settimanale. Di media un ambulante si sposta cinque volte a settimana: con la benzina oltre i due euro si iniziano a fare delle scelte e tagliare i mercati meno convenienti». Decisioni neppure facile da prendere perché, aggiunge Terri, «gli incassi sono crollati e le piazze che si salvano molto poche. Spesso quelle migliori valgono 100 euro al giorno». E le previsioni per i prossimi mesi non sono confortanti: «Caro energia e aumenti dei prezzi non fanno distinzioni ma travolgono tutti. Per far quadrare i bilanci le famiglie tagliano dove si può e il commercio non alimentare è la prima vittima».

La richiesta degli ambulanti per salvare il settore, tra i più colpiti insieme a quello dell'accoglienza dalle varie ondate pandemiche, passa da nuovi sostegni e sgravi fiscali a cominciare delle proroghe all'esenzione della tassa per l'occupazione del suolo pubblico e «dalla possibilità di lavorare» spiega Terri che punta il dito sull'annullamento della fiera dell'Annunziata, del 25 marzo.

«La comunicazione c'è stata data qualche giorno fa e si fatica a capire la ragione conclude Terri - visto che a febbraio a Terni, quindi una città poco distante da Viterbo, la fiera di San Valentino si è svolta senza problemi: strade chiuse e controlli della polizia municipale su mascherine e distanziamento tra gli stalli, non capisco perché a Viterbo non si possa fare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA