La Viterbese batte 3-1 la Turris e accede agli ottavi di Coppa Italia

Otavio Murilo
di Paolo Graziotti
3 Minuti di Lettura
Giovedì 16 Settembre 2021, 02:45

La Viterbese ritrova il carattere e, pur giocando per buona parte della ripresa in inferiorità numerica, batte 3-1 la Turris ed accede agli ottavi di finale di Coppa Italia dove incontrerà l'Ancona-Matelica in trasferta.

Come ci si aspettava Alessandro Dal Canto ha cambiato l'assetto della squadra schierando una retroguardia a tre, che poi diventava a cinque in fase di non possesso con i ripiegamenti di Fracassini e Ricchi sulle fasce. La retroguardia non è stata però impeccabile da colpe, come ad esempio in occasione gol della Turris segnato da Finardi dopo nemmeno un minuto dall'inizio della ripresa.

La Viterbese è sembrata però più in palla e soprattutto più affidabile anche dal punto di vista atletico. La partita non ha avuto sussulti fino alla mezz'ora, quando i gialloblù sono passati in vantaggio con Simonelli ben imbeccato da Calcagni. La Viterbese segna due reti in tre minuti, visto che il raddoppio arriva su un autorete di Longo in seguito ad un corner battuto da Foglia. Solo dopo il doppio vantaggio gialloblù la Turris si scuote e comincia ad entrare in partita, colpendo un palo con la punta Longo poco prima dell'intervallo.

Ad inizio ripresa il tecnico campano Bruno Caneo opera tre cambi, la Turris dimezza subito lo svantaggio grazie ad un tocco di testa ravvicinato del nuovo entrato Finardi e mette alle corde la Viterbese con un ritmo forsennato che non si era visto nel primo tempo. La partita è anche molto nervosa e il direttore di gara deve intervenire per sedare una discussione molto accesa tra D'Ambrosio e Leonetti che vengono ammoniti. Il capitano gialloblù viene poi espulso una decina di minuti più tardi a causa di un altro giallo ricevuto per un fallo commesso al limite dell'area.

Ora la Viterbese è in difficoltà, Bruno Caneo capisce che è il momento di osare e toglie una difensore per inserire la punta Santaniello, ma la mossa è un patatrac. L'occasione più ghiotta per chiudere la partita ce l'ha infatti la Viterbese con Capanni in contropiede con la Turris troppo sbilanciata in avanti. Ma l'attaccante italo-brasiliana arriva stanco e poco freddo alla conclusione e si fa deviare il pallone in angolo. Sul corner che segue, la difesa ospite è immobile e Murilo può firmare il tris da quando avendo tutto il tempo di controllare il pallone al centro dell'area di rigore avversaria.

E' il gol che mette la ceralacca alla partita, con la Viterbese che può gestire la gara in scioltezza anche perché gli ospiti sono ormai sulle gambe e non hanno più nemmeno la mentalità per cercare la doppia rimonta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA