Un motorino, un gommone, pneumatici, un triciclo: Fare Verde trova di tutto nel ripulire le spiagge di Tarquinia

Lunedì 27 Gennaio 2020
E' stato un successo - se così si può dire - per la pulizia della spiaggia a Tarquinia (Viterbo). Ieri, nonostante il maltempo, si è svolta la manifestazione “Il mare d’Inverno” (alla 29^ edizione) organizzata dall'associazione Fare Verde. Che quest’anno aveva il patrocinio della Commissione Ue – Rappresentanza per l’Italia, Camera dei deputati, ministero dell’Ambiente, la Guardia costiera e la Regione Lazio.

I volontari di Fare Verde hanno portato via dalle spiagge di San Giorgio e Le Saline 25 sacchi d’immondizia, 130 bottiglie in plastica e 50 contenitori in vetro, e hanno fatto un censimento dei rifiuti raccolti. Tra gli oggetti più curiosi rinvenuti sull’arenile: un motorino, un gommone, una scopa, otto pneumatici e un triciclo in plastica.

“La nostra associazione - dichiara Silvano Olmi, presidente regionale di Fare Verde – da anni denuncia il grave fenomeno dell’erosione che colpisce le coste e il pericolo per il mare dovuto all’inquinamento della plastica. Inoltre, abbiamo trovato anche molto polistirolo, quello delle cassette utilizzate sui pescherecci”.

Durante la manifestazione in difesa dell’ambiente e del territorio ripulita anche la pineta di San Giorgio, per la quale servono interventi urgenti di potatura e una nuova recinzione di tutta l’area. Hanno partecipato all’evento, tra gli altri, l’assessore all’Ambiente di Montefiascone, Rita Chiatti, la protezione civile Aeopc Tarquinia, la presidente del circolo FdI, Valentina Paterna, la Comunità romena di Tarquinia, il gruppo Fare Verde di Vasanello e Maria Lucia Belli di Fare Verde giovani. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma