Vaccini e autismo, le epidemia di ieri e le malattie di oggi

EMBED
Appassionati di oroscopi, anti-vaccinisti, seguaci dell’omeopatia. Fan dei “superfood” e sostenitori della criocnservazione. Gli italiani sono sempre più attratti da teorie “non ufficiali” che non trovano sostegno nel metodo scientifico. Ma cosa c’è di alla base di queste discipline? Cosa è vero e cosa no? Prova a svelare miti e false credenze la nuova inchiesta di Sky TG24 “Nel nome della scienza”, con Sarah Varetto, in onda lunedì 18 novembre alle 20.20 (e in replica alle 23) e disponibile on demand. Talvolta il confine tra scienza e pseudoscienza può sembrare labile, ma in alcuni casi queste dottrine non scientifiche rappresentano soltanto il volto nuovo e ‘moderno’ di superstizioni e credenze popolari. Veicolate sempre più spesso attraverso la rete e i social, vivono un nuovo momento di fortuna e diffusione, mescolando informazioni corrette e bufale, dati scientifici e asserzioni senza costrutto, che nel mare del web rischiano di trovare lo stesso credito e la stessa dignità. Perché sempre più famiglie hanno paura di vaccinare i propri figli? Quale relazione esiste davvero tra vaccini e autismo? La medicina omeopatica, che per la scienza non contiene alcun principio attivo, è efficace o no? Perché alcune persone scelgono di far congelare il proprio corpo dopo la morte? Offre veramente loro una possibilità di tornare tra molti anni in vita? I ‘superfood’, quei cibi considerati particolarmente ricchi di proprietà nutritive, intorno ai quali si è sviluppato un fiorente mercato, sono più efficaci degli altri alimenti? I pianeti e l’astrologia hanno un influsso sul nostro destino? Sono queste alcune delle domande a cui risponde l’inchiesta di Sky TG24, I reportage, a cura di Sarah Varetto, Alessandro Marenzi e Andrea Bignami, sono stati realizzati da Paola Baruffi, Francesca Cersosimo, Carlo Imbimbo e Chiara Piotto. “Nel nome della scienza” sarà disponibile anche su skytg24.it, con focus e approfondimenti dedicati e sui canali social di Sky TG24.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri