Roma, zio arrestato a Fiumicino: bambino moldavo ospitato a Natale da poliziotto

EMBED
La sera della vigilia di Natale, un bambino moldavo di 13 anni e suo zio sono sbarcati all’aeroporto di Fiumicino, diretti in un paesino del Sud Italia per far visita a una nonna. L’uomo, però, dopo il controllo dei documenti effettuato in aeroporto, è stato arrestato perchè aveva una condanna pendente di circa 6 mesi di carcere per diversi furti. Il bambino, rimasto quindi solo, avrebbe così rischiato di passare la sera nell’area dello scalo romano, vista anche la difficoltà di un’immediata collocazione, seppur temporanea, nelle strutture di accoglienza della Capitale. Fra gli uomini della polizia giudiziaria della polizia di frontiera aerea di Fiumicino è scattata una gara di solidarietà. E’ stato grazie a loro che il ragazzino, in attesa che la mamma partisse per l’Italia per venire a riprenderlo, ha potuto trascorrere la vigilia nella casa di un poliziotto, che si è reso disponibile a ospitarlo per una notte con la sua famiglia, dopo essere stato autorizzato dal locale servizio sociale, con il consenso della mamma e dello stesso bambino.

Arrestano lo zio a Fiumicino, bimbo resta solo in aeroporto per Natale. Il gesto d'umanità del poliziotto
 
 

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani