Marcia per la vita, il prete-ultrà:
cori da stadio e capriole

EMBED
Tra le persone radunatesi in piazza della Repubblica a Roma, per prendere parte alla Marcia per la Vita, molte quelle venute dall'estero. Associazioni provenienti da Francia, Spagna, Polonia, Romania e Canada, stanno colorando le vie del centro con le bandiere del Paese di provenienza. Anche manifestanti non appartenenti a sigle o associazioni, come nel caso degli irlandesi Declan e Carmela, sono venuti nella Capitale per «ribadire che la vita va difesa e che ogni aborto fa versare lacrime alla Vergine Maria». Don Andrea viene dall'Argentina e non manca ad «una 'Marcià sin dalla prima edizione, perché è importante testimoniare, ogni volta che è possibile, quanto l'aborto sia il sacrificio di una vita umana a tutti gli effetti» Video di Emanuele Valeri/Ag.Toiati

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Noi, viaggiatori compulsivi con destinazione “ovunque

di Mauro Evangelisti