Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, raid su scuola-rifugio in Lugansk: 60 persone sotto le macerie

Video

Circa 60 civili risultano dispersi dopo l'attacco aereo di ieri pomeriggio dell'esercito russo su una scuola con un rifugio nel villaggio di Bilohirivka, nella regione di Lugansk. Lo rende noto il capo dell'amministrazione militare regionale, Sergii Gaidai, su Telegram ripreso da Ukrinform. «Tutte le 60 persone rimaste sotto le macerie degli edifici sono molto probabilmente morte», scrive Gaidai. Ieri i servizi di emergenza ucraini avevano parlato di almeno due vittime. Nel sotterraneo si nascondevano 90 persone, nella serata almeno una trentina era stata tratta in salvo.

Cina invia alla Serbia missili anti aereo FK-3. «Colpiscono fino a 100km»: le paure della Nato

Il ministero degli Esteri di Kiev ha «condannato fermamente» il raid aereo. Si tratta di «un brutale crimine di guerra che la Russia ha commesso alla vigilia del Giornata della Memoria e della Riconciliazione, ripetendo costantemente la tragedia della seconda guerra mondiale», ha detto il ministero con un post su Twitter