Picchiarono e derubarono un 66enne per un orologio: estradato un complice

Video
EMBED

Gli agenti della Polizia di Stato hanno arrestato per rapina aggravata un 34enne italiano che, dopo l'arresto del complice, con cui aveva rapinato un uomo di un orologio di lusso a Milano, era fuggito in Spagna. L'arresto all'aeroporto di Linate, al termine di un'attività coordinata dalla Procura del capoluogo lombardo. Le indagini dei poliziotti del Commissariato Centro avevano preso il via dalla denuncia di un 66enne che, l'8 ottobre 2020, mentre era bordo della propria auto, era stato seguito da due uomini in sella a due scooter fino all'interno della sua area box in centro a Milano.

Qui, uno dei due, dopo averlo più volte colpito con pugni al volto e al petto, era riuscito a impossessarsi dell'orologio di lusso dell'uomo. Gli agenti del Commissariato Centro hanno ricostruito, con la visione dei filmati, le fasi della rapina fino all'individuazione del loro covo a Rozzano. Il 10 febbraio dell'anno scorso i poliziotti avevano rintracciato un 31enne a Napoli dove avevano eseguito un'ordinanza di custodia cautelare. Gli investigatori sono arrivati quindi all'identificazione del secondo uomo e hanno chiesto una seconda ordinanza a carico del 34enne che si era rifugiato all'estero. Il mandato di arresto europeo è stato eseguito lo scorso 4 marzo dalla polizia spagnola ed è stato quindi avviato il procedimento per l'estradizione. Arrivato a Linate, l'uomo è stato portato nel carcere di San Vittore a disposizione della Corte di Appello di Milano.