Braccio di Ferro vive a Malta: ecco il pittoresco villaggio di Popeye

Lunedì 9 Dicembre 2019 di Francesca Spanò

Un agglomerato di colorate abitazioni dove la realtà e la fantasia coincidono e i personaggi dell’infanzia tornano a vivere, specialmente il noto omino muscoloso che diventava fortissimo mangiando spinaci. Ve lo ricordate? Il famoso Braccio di Ferro esiste davvero e vive a Malta, in quello che è ormai conosciuto con il nome del Villaggio di Popeye.
 

 

Le curiosità

Si è sviluppato negli ultimi decenni, tanto che fino a 40 anni fa in pochi avevano sentito parlare della zona e del simpatico protagonista di mille avventure esilaranti non c’era nemmeno l’ombra. A creare un vero e proprio boom di visite, è stata la Disney Production che ha scelto l’area nei pressi di Mellieha come set cinematografico di un film musical. Da qui la creazione di una vera area a tema che inizialmente si chiamata Sweethaven e oggi è un parco divertimenti per adulti e ragazzi. In tali rustici e non nuovissimi casali in legno che sorgono nella baia di Anchor, si incontrano ovviamente Popeye, Oliva e Wimpy e si può assistere a diversi spettacoli. Nella sala cinematografica Lower Complex, ad esempio, i turisti possono assistere a proiezioni audiovisive di venti minuti con delle informazioni relative al film e al set.

Costi e attrazioni
 
Tra le avventure da non perdere sicuramente il giro in barca intorno alla baia del villaggio e per prendere parte a tutte le attività si pagano 16 euro al giorno. Non è però compreso il pasto che è a carico dei visitatori, all’ingresso comunque viene offerto un bicchiere di vino gratuito. Il villaggio in pratica è quel che resta, con successivi sviluppi e ingrandimenti, del set del film prodotto dalla Paramount e dalla Disney e interpretato da Robin Williams e sembra un vero museo a cielo aperto.

La storia

Tutto ebbe inizio nel 1979, quando in otto mesi più di 165 costruttori misero in piedi ben 19 edifici in legno. Nell’’80 cominciarono le riprese basate sul fumetto di Elzie Segar, ambientato intorno al villaggio fittizio di Sweethaven dove il marinaio Popeye arriva in un tentativo di trovare suo padre a lungo perduto. La pellicola non è stata un successo grandioso, ma il vero guadagno è sorto da questa attrazione turistica. Oggi si può andare sette giorni su sette e assistere a spettacoli, esplorazioni, organizzare gite o passeggiate nei musei dove si trovano oggetti relativi al lungometraggio o conoscere i personaggi della serie.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani