Papa Francesco apre gli archivi di Pio XII nel 2020: «Non abbiamo paura della Storia»

Lunedì 4 Marzo 2019 di Franca Giansoldati
CITTA' DEL VATICANO – «Ho deciso che l’apertura degli Archivi Vaticani per il Pontificato di Pio XII avverrà il 2 marzo 2020, a un anno esatto di distanza dall’ottantesimo anniversario dell’elezione al Soglio di Pietro di Eugenio Pacelli». Papa Francesco lo ha annunciato durante l'udienza ai membri dell'Archivio Segreto vaticano. Già nel 2006 Papa Benedetto XVI, aveva dato ordine di iniziare ad analizzare e catalogare le carte relative al pontificato pacelliano, in vista della beatificazione (anche se manca ancora il miracolo necessario), soprattutto per fugare una volta per tutte la leggenda nera che addita Pio XII come il pontefice che ha negato l'Olocausto e non ha mosso un dito per salvare gli ebrei dalla razzia del Ghetto. Una tesi che si è fatta largo solo negli anni Sessanta, dopo la pubblicazione di un'opera teatrale di un drammaturgo tedesco intitolata Il Vicario.

Da allora la figura del pontefice che salvò Roma dalle bombe e aprì i conventi per aiutare gli ebrei in fuga fu macchiata indelebilmente da una distorta storiografia capace di cancellare persino gli encomi che Golda Meir rivolse a Pio XII nell'immediato dopoguerra. Secondo tanti storici a Pacelli costò molto cara la scomunica ai comunisti nel 1949 con la quale dichiarava non essere mai lecito iscriversi ai partiti comunisti o dar loro appoggio, poiché il comunismo era materialista e quindi anticristiano, vietava la diffusione di libri o giornali che sostenevano la dottrina e prassi del comunismo materialista ed ateo e impediva ai fedeli che votavano comunismo l'interdizione ai sacramenti.

La riapertura degli archivi sul pontificato di Pacelli era nell'aria da tempo. Papa Francesco ha detto di avere assunto «la decisione sentito il parere dei miei più stretti Collaboratori, con animo sereno e fiducioso, sicuro che la seria e obiettiva ricerca storica saprà valutare nella sua giusta luce, con appropriata critica, momenti di esaltazione di quel Pontefice e, senza dubbio anche momenti di gravi difficoltà, di tormentate decisioni, di umana e cristiana prudenza, che a taluni poterono apparire reticenza, e che invece furono tentativi, umanamente anche molto combattuti, per tenere accesa, nei periodi di più fitto buio e di crudeltà, la fiammella delle iniziative umanitarie, della nascosta ma attiva diplomazia, della speranza in possibili buone aperture dei cuori».

«La Chiesa - ha concluso Francesco - non ha paura della storia, anzi, la ama, e vorrebbe amarla di più e meglio, come la ama Dio! Quindi, con la stessa fiducia dei miei Predecessori, apro e affido ai ricercatori questo patrimonio documentario».

«L'augurio e la speranza ora è che si faccia chiarezza sul ruolo avuto da Pio XII nel periodo della Seconda Guerra Mondiale». Così la presidente della comunità ebraica di Roma, Ruth Dureghello. E aggiunge: «Purtroppo dovremo aspettare il 2020, tra un anno e mezzo - sottolinea - Meglio tardi che mai. È una notizia positiva dalla quale speriamo di ottenere chiarezza su quel periodo storico e sul ruolo ricoperto dal papa». Ultimo aggiornamento: 15:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma