Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Nigeria, torna l'incubo dei sequestri: rapito in una zona a rischio un parroco cattolico

Nella regione nigeriana dove è avvenuto il sequestro negli ultimi anni sono state rapite centinaia di altre persone

Nigeria, torna l'incubo dei sequestri: rapito in una zona a rischio un parroco cattolico
di Franca Giansoldati
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 9 Marzo 2022, 12:49 - Ultimo aggiornamento: 11 Marzo, 09:14

Città del Vaticano – In Nigeria torna l'incubo dei rapimenti dei religiosi cattolici a scopo estorsivo da parte di gruppi legati a Boko Haram. A far salire di nuovo il timore è la notizia arrivata dall'arcidiocesi nigeriana di Kaduna sul sequestro di padre Joseph Akete Bako, parroco della chiesa cattolica di San Giovanni, a Kudenda, nell'area del governo locale di Kaduna South, nello stato di Kaduna. Una zona notoriamente ad altissimo rischio, già epicentro di violenze di varia matrice. Nelle zone rurali si segnalano da tempo conflitti per l'acqua e l'uso della terra ma anche violenze da parte di Ansaru, un gruppo islamista tristemente conosciuto e attivo.

Macerata, turista inglese rapito da una banda di ventenni: chiesto riscatto di 7 mila euro al padre

«Siamo spiacenti di confermare ufficialmente il rapimento di uno dei nostri sacerdoti, padre Joseph Akete Bako dalla sua residenza presso la chiesa di San Giovanni, a Kudenda, verso le 1,30 della notte dell’8 marzo. Nel corso dell’assalto, l’incaricato della sicurezza, Luka Philip è stato ucciso, mentre altre quattro persone sono state rapite dalle case vicine» si legge nel comunicato diffuso anche alla agenzia vaticana Fides


L’arcidiocesi naturalmente invita i fedeli a pregare per la persona uccisa e per la liberazione del rapito, raccontando che uomini armati hanno fatto irruzione nella casa parrocchiale nelle prime ore di martedì, dopo aver colpito a morte all'incaricato della sicurezza. Una notizia poco felice che fa salire la paura di sequestri a scopo estorsivo per finanziare la rete terroristica, e per la quale il Vaticano, in passato, aveva messo in campo una sorta di struttura parallela per pagare indirettamente riscatti. Come del resto era accaduto con il frate salesiano rapito nello Yemen, don Thomas Uzhunnalil, sequestrato nel 2016 da un gruppo di guerriglieri islamici. 

Nella regione nigeriana dove è avvenuto il sequestro del parroco negli ultimi anni sono state rapite centinaia di altre persone - per il riscatto - da parte di bande criminali. Le violenze hanno causato anche centinaia di morti e sfollati. La città di Kaduna resta al centro di una sorta di "pulizia etnica", con i cristiani ora concentrati nel sud di Kaduna e i musulmani nel nord. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA