Germania, dopo la segretaria generale dei vescovi, arriva la prima parrocchia diretta da una donna

Germania, dopo la segretaria generale dei vescovi, arriva la prima parrocchia diretta da una donna
di Franca Giansoldati
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 3 Marzo 2021, 20:41 - Ultimo aggiornamento: 20:46

Città del Vaticano – Non ci sono ancora le donne prete nella Chiesa cattolica, l'ordinazione sacerdotale è ancora vietata, ma la politica dei piccoli passi in Germania ha portato all'arrivo di una donna – la prima – alla direzione di una parrocchia. Tutto ciò avviene nella diocesi di Essen dove Sandra Schnell, fino ad oggi collaboratrice pastorale, sarà la prima laica a diventare commissario parrocchiale. Un pastore, Johannes Broxtermann, la assisterà come "prete moderatore" con il compito di celebrare messe e amministrare i sacramenti visto che alle donne non è ancora permesso.

L'idea del ticket parrocchiale – un parroco che si occupa dei sacramenti – e una donna che parallelamente gestisce tutto il resto è arrivata al vescovo di Essen, monsignor Franz-Josef Overbeck che ha sviluppato il concetto di leadership parrocchiale in risposta alla grave carenza di sacerdoti. 

Negli anni passati la Congregazione per il Clero ha pubblicato un'istruzione che stabilisce che solo i sacerdoti possono dirigere e amministrare una parrocchia. Il testo all'epoca era stato criticato in Germania proprio perchè non faceva alcuna distinzione tra mansioni di tipo sacramentale e mansioni di tipo amministrativo. 

Il ruolo delle donne nella Chiesa sta diventando una questione decisiva per il futuro, secondo quanto emerso in questi due anni dai dibattiti interni all'episcopato nel percorso di riforma sinodale. Secondo la agenzia dei vescovi KNA la storica cattolica Birgit Aschmann parlando ad un evento on line della Federazione delle donne cattoliche a di Berlino ha affermato che l'ordinazione delle donne al sacerdozio potrebbe effettivamente portare ad uno scisma nella Chiesa mentre un avanzamento sul terreno dell'uguaglianza gestionale, per esempio, potrebbe prevenire lo scisma.

A suo parere molte donne lasceranno la chiesa se non cambierà nulla. «Il loro impegno visibile è di centrale importanza, altrimenti non andremo lontano».

La scorsa settimana i vescovi tedeschi hanno eletto per l'organismo di autogoverno una donna che a giugno assumera l'incarico di segretaria generale. E' la prima conferenza episcopale ad avere una segretaria laica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA