Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Degrado a San Pietro, passante si spoglia e fa i bisogni sul marciapiede

San Pietro e zone limitrofe nel degrado più totale
di Franca Giansoldati
2 Minuti di Lettura
Sabato 4 Maggio 2019, 16:36 - Ultimo aggiornamento: 5 Maggio, 12:22

Non si arresta l'orribile degrado attorno a San Pietro. Come del resto testimonia la fotografia che è stata scattata stamattina, sotto gli occhi allibiti di qualche passante che transitava da via dei Corridori a via della Conciliazione per andare in basilica. La situazione è oltre ogni immaginazione. Senzatetto che, pur avendo a disposizione bagni e docce, preferiscono fare i bisogni nel primo angolo che capita, come se fosse una cosa normale. Sporcizia, odori pesanti, mucchietti di stracci sporchi nelle fioriere, cumuli di scarti, carta igienica (usata) lasciata per strada.  

Sembra che nessuno possa farci nulla. Nemmeno la polizia municipale, che ha gli uffici a via del Falco, nè la polizia del commissariato di via del Mascherino, che pattuglia la zona facendo finta di niente.

Naturalmente non è la prima immagine che denuncia un quadro complessivo diventato con gli anni sempre più ingestibile per gli abitanti, i negozianti, i turisti che passano. Sotto il colonnato dei due palazzi di via della Conciliazione, e attorno a via Pfeiffer, la notte si concentra una umanità piuttosto variegata che si dà appuntamento per trovare un riparo sotto cataste di cartoni, stracci, sacchi a pelo.

Durante la notte però spesso scoppiano risse, il tasso alcolemico è piuttosto alto, come poi testimoniano le tracce che si ritrovano davanti all'ingresso della Sala Stampa vaticana, chiazze di deiezioni, vomito, bottiglie vuote, residui di cibo, in una sporcizia senza eguali. Nonostante quella zona sia una vetrina internazionale, una specie di biglietto da visita della città.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA