Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coronavirus, la Cei polemizza con il governo per il divieto di messe e funerali, «ma faremo la nostra parte»

Coronavirus, la Cei polemizza con il governo per il divieto di messe e funerali, «ma faremo la nostra parte»
1 Minuto di Lettura
Domenica 8 Marzo 2020, 19:25 - Ultimo aggiornamento: 19:31

Città del Vaticano - I vescovi polemizzano a distanza con il Governo per le restrizioni contenute nel Decreto anti coronavirus della Presidenza del Consiglio dei Ministri, entrato in vigore quest’oggi, che di fatto sospende a livello preventivo, fino a venerdì 3 aprile, sull’intero territorio nazionale «le cerimonie civili e religiose, ivi comprese quelle funebri».

L’interpretazione fornita dal Governo, spiegano i vescovi in una nota, include rigorosamente le messe e le esequie tra le «cerimonie religiose».

Un passaggio che non tutti i vescovi sembrano digerire: «Si tratta di un passaggio fortemente restrittivo, la cui accoglienza incontra sofferenze e difficoltà nei vescovi, nei sacerdoti e nei fedeli. L’accoglienza del Decreto è mediata unicamente dalla volontà di fare, anche in questo frangente, la propria parte per contribuire alla tutela della salute pubblica».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA