Todi, coppia di labrador in fuga lungo la E45 salvata dalla Polstrada

I labrador salvati alla polizia stradale di Todi
di Luigi Foglietti
2 Minuti di Lettura
Martedì 17 Agosto 2021, 12:00

TODI E’ finita bene l’avventura di due begli esemplari di labrador sfuggiti al controllo del legittimo proprietario e avvistati, mentre si allontanavano sulla corsia sud della E45, dai tanti automobilisti che transitavano sull’importante arteria la vigilia di ferragosto. I vacanzieri che sono riusciti ad evitarli, intuendo il pericolo per gli altri automobilisti che passavano sul tratto di strada che da Collevalenza va verso Casigliano, ma il pericolo era anche per gli stessi cani, hanno avvertito della presenza dei due animali la polstrada, che è subito intervenuta. La pattuglia, aliquota del distaccamento di Todi comandato dall’ispettore Valter Gramaccia, già dislocata su quel tratto in servizio di vigilanza, è arrivata in pochi istanti sul posto dove erano stati segnalati i labrador. I due poliziotti hanno subito rallentato il traffico per evitare problemi agli utenti che si trovavano a transitare in quel momento e con grande capacità da esperti cinofili sono riusciti a catturare i due animali che vagavano sull’asfalto molto spaventati e frastornati. Appena presi li hanno messi “in sicurezza” all’interno della vettura di servizio. In questa occasione, ovviamente, la permanenza all’interno dell’auto non era da assimilare ad un arresto, ma da considerare solo salvifica. Subito hanno avvertito il servizio veterinario che ha verificato lo stato di salute dei due splendidi quadrupedi e, attraverso il chip di riconoscimento, sono risaliti al proprietario al quale sono stati subito riconsegnati. Questi, residente ad Acquasparta, aveva attuato tutte le necessarie cautele, avendo infatti già segnalato la scomparse dei due “fidi amici”. Al momento della riconsegna è stato felice di poterli riavere in così breve tempo sani e salvi, mentre temeva il peggio, ma è rimasto con la curiosità di capire come i suoi labrador, benché consapevole della loro intelligenza, abbiano percorso tutta quella strada in senso contrario di marcia riuscendo ad evitare i rischiosissimi incroci con le tante vetture che transitavano

© RIPRODUZIONE RISERVATA