Bimbo di quattro anni sta per morire soffocato: staffetta a tutto gas per salvarlo

Venerdì 14 Agosto 2020
PERUGIA - A tutto gas per salvare la vita a un bimbo di quattro anni che non respira più. A tutto gas e con il cuore in gola, con a fianco i genitori disperati, ma senza mai perdere la lucidità. E quel bambino ha così potuto riabbracciare mamma e papà. Siamo lungo la E45, all'altezza del comune di Torgiano: gli agenti della polizia stradale di Todi, diretti dal vice ispettore Valter Gramaccia, stanno svolgendo servizi di prevenzione e controllo del territorio per l'esodo di Ferragosto quando, nei pressi di un'area di servizio, vengono avvicinati da un'auto.

I poliziotti della stradale vedono uscire un uomo in evidente stato di agitazione che chiede aiuto in quanto il proprio figlio di 4 anni, vittima di una presunta forte crisi convulsiva, è in stato di incoscienza fra le braccia della madre. In un attimo i 4 poliziotti, fra cui il comandante del Distaccamento di Todi presente sul posto, compresa l’altissima criticità in corso ed il pochissimo tempo a disposizione, in considerazione del fatto che il bimbo si trova in uno stato di profonda incoscienza, attivano il dispositivo di massima urgenza.

Con il coordinamento della sala operativa viene richiesta immediatamente un’ambulanza ma, appurata anche l’assenza di respirazione, viene deciso di scortare l’auto dei genitori in direzione ospedale Santa Maria della Misericordia.

Grazie alla gestione interattiva della Sala Operativa della Polizia Stradale e della Sala Operativa del 118 riescono a coordinare i due mezzi che scortano a tutto gas l'auto con il piccolo dentro con l'ambulanza in un punto di incontro nella zona di San Vetturino. In totale sicurezza, gli operatori del 118 prendono in carico il bambino e procedere, sul posto, con le prime cure, per poi trasportarlo in ospedale.

Giunto all’ospedale e ripreso a respirare regolarmente, il bimbo verrà dichiarato fuori pericolo. Ultimo aggiornamento: 18:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA