Sposarsi in Umbria prende il via dalle tante bellezze di Foligno accompagnando la ripartenza

Sposarsi in Umbria prende il via dalle tante bellezze di Foligno accompagnando la ripartenza
di Giovanni Camirri
3 Minuti di Lettura
Venerdì 18 Giugno 2021, 14:40

FOLIGNO - Parte da Foligno da un'idea della event designer Cecilia Cairoli, il progetto “Sposarsi in Umbria”. Pensato per valorizzare la ripartenza del settore Wedding, sicuramente il più provato da questo lungo periodo di pandemia SARS-CoV2 e quello del turismo esperienziale nella verde Umbria. Il progetto è volto appunto a gettare “nuova luce”, tramite le fotografie e video per la diffusione sui social, al settore delle cerimonie, in particolare all’evento del matrimonio, spazio quest’ultimo particolarmente colpito dalle chiusure e di cui si è parlato molto poco se non grazie all'interessamento diretto di alcune associazioni di settore. Grazie al coinvolgimento dei diversi professionisti, il progetto prevede incontri dimostrativi, shooting fotografici, giornate dedicate ai futuri sposi che vogliono festeggiare al meglio questo meraviglioso giorno seguendo i consigli di chi fa del matrimonio un'opera d'arte. Il tutto nell'incantevole cornice dei paesaggi umbri, la quale viene sempre di più scelta da coppie internazionali e celebri che la preferiscono per coronare il proprio sogno d'amore. Il primo incontro da poco svolto ha visto coinvolti i primi partecipanti, Silvia Amoni,Sergey Akramov, Chiara Crucianelli, Gaetano Panza, Erica Patrizi, Elisabetta Pioli, Emanuela Pierangeli, Marta Prato, Leonardo Ragni, Alessio Vissani, i quali con la propria professionalità hanno realizzato un set fotografico nella campagna intorno a Foligno e nella splendida Villa Fidelia esaltando la bellezza dei modelli Ginevra Castellani, Diletta Donati, Aurora Pastorelli, Andrea Ciri giovani talentuosi che si sono messi a disposizione del progetto. “Collaborare con dei professionisti è sempre un’ottima occasione per mettere a disposizione le proprie competenze e allo stesso tempo condividere un progetto- dice Silvia Amoni- Come questo: “Sposarsi in Umbria”, ideato e realizzato da Cecilia Cairoli per valorizzare il territorio folignate e le attività locali, fortemente colpite dalla pandemia. L’idea di Cecilia è proprio quella di creare una vera e propria sinergia tra tutte le forze del territorio folignate. È un progetto chiavi in mano per gli sposi che decidono di scegliere il territorio umbro per festeggiare il loro “giorno speciale””. “Le locations di questi appuntamenti cambieranno ogni volta, - commenta con la luce negli occhi Cecilia Cairoli- girando tutta l'Umbria e coinvolgendo tutti i professionisti che vorranno mettersi in gioco per invogliare il pubblico italiano ed internazionale a venire in questa regione che nasconde angoli davvero affascinanti e professionisti molto preparati. La ripartenza necessita proprio di questo, piccoli progetti nati quasi per scherzo, ma con la grande voglia di rinascita da attuare insieme sul territorio, credo fermamente nella forza della collaborazione, gli italiani sono professionisti nel reinventarsi e fare squadra nei momenti di difficoltà e gli umbri ne sono l'esempio”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA