Perugia, da agosto prende vita la radio della città

Perugia, da agosto prende vita la radio della città
di Cristiana Mapelli
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 29 Luglio 2020, 16:33

La radio della città, incontro dopo incontro, prende vita. L’idea, in partenza nei prossimi giorni, è una sorta di radio cittadina in filodiffusione da cui trasmettere musica, certo, con programmi dedicati ai generi più vari, ma dove dare spazio ad arte, cultura, informazioni di servizio e turistiche, per dare vivacità all’acropoli e ai suoi protagonisti. La base della radio sarà in piazza della Repubblica dove, nei prossimi giorni, sarà installata una “casetta” che accoglierà gli speaker e i deejay della web radio cittadina. La data ufficiale del taglio del nastro potrebbe essere nei primi giorni di agosto, proprio a ridosso della quattro giorni di Umbria jazz in versione soft, dal 7 al 10, a causa del coronavirus.
La realizzazione della radio della città è il primo passo del Comune verso la fondazione per giocare, nel rilancio dell’Umbria, la partita da protagonista. Con il Comune come capofila che ha tutto l’interesse di sperimentare una radio con la logica di aggregare altre esperienze di radio pubbliche. Importante sarà la partnership con Umbria Radio il cui palinsesto durante i lunghi mesi di lockdown si è arricchito di tanti format fatto e rivolti ai perugini, come ad esempio i programmi di Mascheradio.
Nella Fondazione il Comune metterebbe sul tavolo i soldi della tassa di soggiorno, ma con un ruolo importante riservato ai consorzi o le associazioni che da tempo operano per promuovere la città creando eventi. A partire daL Consorzio Perugia in Centro, la confraternita del Sopramuro e Perusia Futura che radunano commercianti, artigiani, cittadini dei quartieri e i magnifici rioni di Perugia 1416. L'idea della Fondazione è promossa dall’assessore Giottoli e prende spunta da quanto è stato fatto ad Arezzo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA