Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Narni, migliaia di turisti lungo le Gole del Nera
a Pasqua e Pasquetta

Il "chilometro zero" delle Gole del Nera
di Marcello Guerrieri
3 Minuti di Lettura
Martedì 3 Aprile 2018, 10:59 - Ultimo aggiornamento: 13:49

NARNI (tr) Centinaia, migliaia di persone a passeggiare lungo le Gole del Nera, sotto Narni, lungo il fiume, sino alla grande spiaggia delle Mole: eccola la caratteristica della Pasqua di quest’anno, eccola la grande speranza di un turismo ecologico, naturalistico e non invasivo, da portare a Narni. “Siamo stati ammirati dalla tanta gente – spiega il sindaco Francesco De Rebotti, anch’esso in tenuta da jogging – nessuno pensava a questi numeri, a questa folla, con persone che sono arrivate da tutt’Italia a visitare quella che sta diventando una eccellenza naturalistica della nostra regione, che è bella di suo”. Il grande afflusso ha fatto bloccare il parcheggio, obbligando a deviare le auto in altri spazi, per poter frequentare liberamente la zona di ristoro, che l’associazione che gestisce sperimentalmente, le Gole ha installato al “chilometro zero”: panini, porchetta, caffè ma era solo l’antipasto perché a metà percorso nei pressi di quella che era stata la trattoria di Palmira, un banco con gli arrosticini di pecora dell’Abruzzo e completare l’offerta e a spandere il profumo dentro la galleria del Recentino. “C’è ancora molto a fare a cominciare dalla unione del percorso narnese con quello ternano, lavori che inizieranno quest’anno, ma soprattutto rimane il lavoro di un inserimento stabile delle Gole del Nera nei circuiti turistici nazionali, così come per i Sotterranei, che sia davvero un richiamo come noi abbiamo pensato da sempre”. D’altra parte le cose da vedere sono tante a cominciare dal ponte romano di Augusto (“A proposito il percorso sarà allungato proprio sotto il ponte” dice De Rebotti), alle sorgenti termali, a San Cassiano, monastero-fortezza benedettina, alle rocce che portano alla grotta dell’eremita e che si prestato a scalate, ad arrampicate di grande difficoltà. Per poi passare alla fonte del Lecinetto, a Stifone, alla seconda centrale idroelettrica italiana, al fiume color cobalto, alle spiagge delle Mole, bellissime e freddissime, ottime in estate, che quest’anno sarà possibile frequentare senza pericolo.
Qualche piccolo inciampo come quello del signore anziano che, senza pensarci due volte, ha divelto un paletto che limita l’accesso alle auto e si è fatto tutte le Gole del Nera senza scendere “Un fatto increscioso - ha commentato il sindaco - che non scalfisce il grande rispetto della tanta gente che ha scelto il “nostro” percorso” per una giornata di festa”.
© RIPRODUZIONE RISERVATA