L’arte del costume fa diventare la Giostra della Quintana di Foligno chic and shock grazie al maestro Massimo Cantini Parrini

L’arte del costume fa diventare la Giostra della Quintana di Foligno chic and shock grazie al maestro Massimo Cantini Parrini
di Giovanni Camirri
2 Minuti di Lettura
Martedì 7 Settembre 2021, 17:07

FOLIGNO - “Non è il classico abito di Giostra, riassume un pensiero diverso che esalta l’essenza dell’opera. È avulso da orpelli, è forma e idea. È chic and shock”. Così il maestro Massimo Cantini Parrini ha spiegato la sua “opera” pensata per la dama del rione Badia e realizzata dalla sartoria di Daniele Gelsi. “Il mio lavoro è essenza – ha proseguito il maestro Cantini Parrini – e sono un ri-creatore di cose che, in questo abito, ha voluto togliere tutti gli orpelli adattando tutto alla sua funzione”. Alla presentazione insieme a Cantini Parrini e Gelsi sono intervenuti il priore del rione Badia, Filippo Pepponi e il presidente dell’ente Giostra della Quintana Domenico Metelli. “Stiamo ammirando – ha detto Metelli – un’opera d’arte di elevatissima portata. È un bellissimo segnale che va nel seoldo della nostra quintana che partendo dal concetto di essere una rievocazione vuole contemporaneizzare ogni suo aspetto. Per vedere questo abito attraversa il centro di Foligno si dovrà attendere il corteo storico della Sfida di giugno 2022. e vi assicuro che in quella data la Sfilata ci sarà e la Quintana riacquisirà tutta la sua essenza e la sua completa identità”. Cantini Parrini è Allievo del grandissimo e indimenticato maestro Piero Tosi, e per anni assistente del premio Oscar Gabriella Pescucci, dopo l’Istituto Statale d’Arte prosegue gli studi al Polimoda di Firenze sua città natale fino alla laurea in cultura e stilismo della moda all’università Fiorentina. Sarà lo stesso Piero Tosi a selezionarlo per il suo ingresso al Centro Sperimentale di Cinematografia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA