Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Basta precarietà: sindacati e studenti in piazza a Terni

locandina della manifestazione
di Federica Mosca
1 Minuto di Lettura
Venerdì 25 Febbraio 2022, 08:37

"Basta precarietà”: più che uno slogan è un grido quello che lancia la mobilitazione a Perugia e Terni, sindacati e studenti insieme. Due manifestazioni, a Perugia e Terni, che vogliono richiamare l’attenzione della politica e dell’opinione pubblica sull’insostenibilità dell’attuale situazione: studenti che perdono la vita in percorsi che dovrebbero essere di formazione ma in realtà sono altro, tre morti sul lavoro al giorno, centinaia di migliaia di posti di lavoro con contratto a termine che si chiuderanno nei prossimi mesi e l’elenco potrebbe proseguire. Per denunciare tutto questo e chiedere risposte concrete sul fronte dell’alternanza scuola-lavoro, dell’occupazione giovanile e femminile, della lotta alla precarietà, i sindacati  del lavoro atipico e precario, Nidil Cgil, Felsa CislUiltemp, insieme alle associazioni studentesche Altrascuola Rete degli Studenti medi e Udu Sinistra Universitaria, scenderanno in piazza oggi, venerdì 25 febbraio, dalle 15.30 a piazza Europa, invitando studenti, lavoratori e cittadinanza a partecipare.  Già ieri, la manifestazione si è svolta a Perugia, a piazza Italia, dove una delegazione ha incontrato il prefettore del capoluogo umbro, Armando Gradone, per confrontarsi sulle tematiche che hanno portato alla mobilitazione, raccogliendo una sostanziale condivisione e solidarietà da parte del rappresentante del Governo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA