Amelia, cantiere infinito sul raccordo Terni Orte. Il Sindaco di Lugnano scrive all'Anas:«Inaccettabile»

Amelia, cantiere infinito sul raccordo Terni Orte. Il Sindaco di Lugnano scrive all'Anas:«Inaccettabile»
di Francesca Tomassini
4 Minuti di Lettura
Venerdì 11 Novembre 2022, 20:26

Rato Orte Terni, il cantiere della discordia. Una pioggia di lamentele e polemiche accompagna da mesi lo svolgimento dei lavori sulla superstrada. Restringimenti di carreggiata, deviazioni, uscite chiuse che causano rallentamenti e code, chilometriche, in caso di incidente o transito di mezzi pesanti. Una situazione che si ripete da anni, con durata variabile, e che stavolta ha raggiunto quota quattro mesi. In questo quadro, nel pomeriggio di oggi, insieme alle polemiche e lamentele degli utenti che quotidianamente sono costretti a transitare su quel tratto di strada, è arrivata anche la mail, sferzante, del sindaco di Lugnano in Teverina Gianluca Filiberti che ha scritto al servizio clienti dell'Anas esplicitando le sue rimostranze da utente e da primo cittadino. Sul banco degli imputati le tempistiche bibliche del cantiere e la mancata programmazione degli interventi che starebbero causando rallentamenti significativi nell'ultimazione dei lavori e moltiplicando i disagi per gli automobilisti. In particolare l'uscita Amelia direzione Orte che al momento è chiuso e obbliga chi transita sul rato a utilizzare quella di Montoro oppure, per chi è in ingresso, a percorrere la strada che costeggia la polveriera. 


«Buonasera,
sono il Sindaco del Comune di Lugnano in Teverina e, scrivo, questa mail per riportare le numerose e continue, nonché giuste, lamentale che espongono i miei concittadini per la chiusura in uscita dello Svincolo di Amelia sulla SS675 (E45) direzione Orte.
Lo svincolo è chiuso dalla metà di Agosto e ancora ad oggi non è stato riaperto.
Oltre 4 mesi per effettuare interventi non adeguatamente programmati oltre ad essere eseguiti davvero a rilento.

MI chiedo: ma come è possibile nel 2022 un disservizio del genere? (lavori eseguiti a step: prima il muro, poi i cordoli, poi le scarpate ecc...) Sabato e Domenica cantiere fermo ... la notte non si lavora più) a rimetterci sono sempre gli utenti che ne usufruiscono.
Un bacino di oltre 15000 abitanti che comprende tutti i Comuni dell'Amerino (Amelia, Giove, Penna, Alviano, Guardea e tutte le frazioni annesse) che devono sobbarcarsi tutti i giorni strade alternative con km in più percorsi oltre ad allungare i tempi, relativi costi dei carburanti sempre più esorbitanti, per poi non parlare delle code che si formano per tutti i lavori sulla SS675 (un cantiere dietro l'altro senza che nessuno finisca).
Sono tantissimi gli utenti che lavorano nel capoluogo di Provincia di Terni, un disagio enorme e mi ripeto, per farvi capire bene, con aumento dei costi e del tempo di percorrenza al ritorno del lavoro.
Il sottoscritto, che lavora a Terni può attestare quanto sopra riportato... non è fattibile una chiusura di uno svincolo così importante per tutti questi mesi.. parliamo di quattro mesi e non si vede la luce per una riapertura.
Sinceramente è inammissibile.
Mi dispiace scrivere questa mail perché state lavorando per migliorare una strada oramai divenuta importantissima per i collegamenti tra il Comune di provincia e quelli limitrofi, però, dopo tutto questo tempo, non potevo non farlo con la speranza che l'ultimazione dei lavori di riqualificazione della Strada SS675 svincolo AMELIA avvenga al più presto.
L'intervento poteva essere realizzato con un cronoprogramma sicuramente migliore riducendo al minimo i tempi di chiusura dello svincolo .
Spero davvero che questa situazione spiacevole si risolva quanto prima per me e per tutti gli utenti che usufruiscono della SS675 (E45)».

© RIPRODUZIONE RISERVATA