Alviano celebra la giornata delle Forze Armate e ricorda i suoi caduti. Ad ogni albero un fiore e un nome.

Mercoledì 4 Novembre 2020 di Francesca Tomassini

ALVIANO - Il paese illumina il castello con il tricolore per festeggiare la giornata delle Forze Armate. In mattinata il sindaco Giovanni Ciardo ha guidato anche un'altra piccola cerimonia della tradizione alvianese in cui ad ogni albero si legava un fiore e un nome dei soldati caduti fra le due guerre.  "Oggi -ha dichiarato il sindaco- accanto alle celebrazioni, doverosamente contenute a causa delle norme anti covid abbiamo voluto ripristinare anche questa preziosa tradizione". 

“Come spesso accade negli ultimi anni – ha aggiunto - il nostro castello diventa un simbolo per imprimere negli occhi e nella mente dei cittadini un messaggio. Questa volta lo abbiamo fatto con i colori e con la poesia di Ungaretti, “San Martino del Carso". Sul castello, grazie ad una speciale tecnica laser, oltre al tricolore è apparsa anche la frase “Ma nel cuore nessuna croce manca...è il cuore il paese più straziato”.

“Oggi come non mai – ha chiuso Ciardo – abbiamo bisogno di sentirci uniti, dicendo prima di tutto no alle guerre, ricordando i tanti morti del passato e di oggi e oggi dobbiamo sentirci uniti anche contro un altro nemico subdolo e pericoloso. La poesia, anche se amara, e la bellezza possono esserci d’aiuto". 

© RIPRODUZIONE RISERVATA