CORONAVIRUS

Vesuvio "erutta Covid" a Non è l'Arena, Massimo Giletti tra le polemiche

Lunedì 30 Novembre 2020
1
Vesuvio "erutta Covid" a Non è l'Arena, Massimo Giletti tra le polemiche

Scattano le polemiche per la grafica andata in onda Domenica sera a 'Non è l'Arena' su La7, alle spalle di Massimo Giletti: l'immagine, raffigurante il Vesuvio nel pieno di un'eruzione di virus Covid, è stata ritenuta offensiva da parte di molti spettatori e utenti social.

LEGGI ANCHE Grande Fratello Vip, Zelletta e Gregoraci commentano Pierpaolo Pretelli nella notte: Dayane di stucco

L'intento era rappresentare graficamente l'emergenza Covid in Campania, uno dei temi della puntata. Ma se le intenzioni erano buone, in tanti non lo hanno capito: «Immagine di cattivo gusto», «come poter mandare in onda una grafica del genere!?», «retrogusto razzista» hanno twittato in molti esprimendo il loro risentimento accanto agli hashtag #Vesuvio e #Giletti.

 

"L'idea di utilizzare il Vesuvio nascondeva l'intento di far capire che il virus è pericoloso come la lava e quindi chi...

Posted by Non è l'Arena on Monday, 30 November 2020

«L'idea di utilizzare il Vesuvio nascondeva l'intento di far capire che il virus è pericoloso come la lava e quindi chi gioca a tirare in ballo la storia del razzismo è fuori strada completamente», chiarisce Giletti sulle pagine ufficiali social della trasmissione televisiva. «Purtroppo a volte anche le idee più ambiziose possono essere interpretate in modo diverso, e di questo non posso che scusarmi con chi ha voluto leggere ciò che non è».

In aggiunta, Giletti difende il lavoro svolto durante l'emergenza: «Credo che da circa un mese io e la mia squadra stiamo facendo un lavoro di inchiesta importante sulla criticità della Sanità in Campania e tutto questo non può essere oggetto di fraintendimenti». Esprimendo poi una certa malizia sulle origini delle polemiche: «Mi sembrano a volte strumentali e lontane dalla verità e forse servono a spostare il vero focus del problema su cui noi stiamo facendo la nostra inchiesta».

© RIPRODUZIONE RISERVATA