Leonardo Spinazzola a Verissimo: «Tornerò con più forza, mi sento un leone»

Leonardo Spinazzola a Verissimo: «Tornerò con più forza, mi sento un leone»
di Eva Carducci
2 Minuti di Lettura
Sabato 9 Ottobre 2021, 18:20 - Ultimo aggiornamento: 21:41

In collegamento da casa il campione della nazionale di calcio Leonardo Spinazzola, della Roma, intervenuto nell'edizione del sabato pomeriggio di Verissimo.

«Sono la cosa più bella del mondo questi monelli, e purtroppo a causa dell'infortunio, ma posso godermeli di più» racconta a Silvia Toffanin, che vuole sincerarsi delle sue condizioni: «L'infortunio va bene al momento, sto lavorando tanto e questo mese è quello più importante, perchè devo migliorare la qualità del movimento del piedi. Le stampelle le ho lasciate da quattro settimane. Andiamo avanti».

Le immagini in studio riportano poi ai successi estivi della nazionale di calcio, e il coro "Spina, Spina" intonato dai suoi compagni d'avventura, nella partita successiva al suo infortunio, la rottura del tendine di Achile della gamba sinistra: «Bellissimo, sono stato il primo a prendere la medaglia, ero emozionato. Quello è stato un gesto di Chiellini e Bonucci, che mi hanno detto di andare per primo. Un gesto bellissimo, simbolo di tutto il supporto ricevuto dalla squadra. Quando mi sono infortunato ho fatto una videochiamata con tutta la mia famiglia. Nonostante il dolore, che fa parte del gioco, è arrivato il sorriso guardandoli attraverso lo schermo. Tornerò con più forza, mi sento un leone dentro. Sono esperienze che ti fanno crescere».

«Ho sempre voluto essere un calciatore, quando c'erano le belle giornate stavo tutto il giorno fuori a giocare, provavo, tutti i giorni, e poi il sogno è diventato realtà» prosegue il racconto Spinazzola, che si commuove nel vedere il racconto della sua vita su schermo, dal matrimonio alla nascita dei figli. 

Racconta anche la singolare proposta di nozze alla moglie Miriam: «Era incinta tre anni fa del nostro primogenito, stiamo insieme dal 2010. Volevo aspettare, farle la proposta in maniera diversa. Gli ormoni però hanno sballato un po' tutto, non è stato facile per Miriam, così per tirarla su di morale le ho chiesto di sposarmi. Ero inginocchiato davanti al letto quando lei è uscito dal bagno. La lontananza ha rafforzato il rapporto, è stato difficile, ma ci siamo sempre stati l'uno per l'altra».

© RIPRODUZIONE RISERVATA