Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Mimì, una ribelle nouvelle vague nel film opera di Martone “La bohème”, venerdì su Rai 3

Federica Lombardi nei panni di Mimì, nel film opera La bohème, con la regia di Martone venerdì 8 su Rai3
di Simona Antonucci
4 Minuti di Lettura
Giovedì 7 Aprile 2022, 19:53

«La mia Mimì non è un personaggio “postumo”. È una ragazza degli anni Sessanta che vuole vivere, amoreggiare, divertirsi. Certo, alla fine muore, ma non c’è bisogno di rappresentarla sin dall’inizio come una vittima. La mia è una visione vitale e quindi tanto più tragica. Più forte, se eviti di mostrarla sin dall’inizio come una vittima».

Teatro dell’Opera di Roma

Mario Martone, dopo Barbiere di Siviglia e Traviata, realizza il suo terzo film-opera, nuova coproduzione di Rai Cultura e Teatro dell’Opera di Roma. Ultima tappa del progetto cinematografico nato durante la pandemia, La bohème di Puccini, diretta da Michele Mariotti, viene proposta da Rai Cultura, in prima visione venerdì alle 21.20 su Rai3, con un’introduzione di Corrado Augias.

Il caffè Momus

Della trilogia è il primo ambientato “fuori casa”: cineprese, cantanti, orchestra e direttore, sono stati “in trasferta” nei laboratori del lirico romano, in via dei Cerchi. Interpreti di un film nel film di sapore godardiano, dove entrano in campo, non soltanto gli sciagurati eroi del capolavoro pucciniano, «ma anche le macchine da presa», spiega Martone, «e i luoghi dove si lavora per fare teatro. Il caffè Momus in falegnameria mi diverte tantissimo. Potremmo inaugurare una catena di ristoranti nelle botteghe artigiane».

I primi due film opera vennero definiti dal regista napoletano, 62 anni, progetti «al limite dell’incoscienza». «Questo, ancora peggio. Perché nella follia, siamo ostinati. Per Barbiere e Traviata eravamo comunque in un teatro. Qui no. Abbiamo girato tutto, in presa diretta, tra attrezzi, costumi d’epoca, pennelli, martelli. Mentre l’orchestra suonava nel salone delle scenografie, Mimì e Rodolfo, Musetta e Marcello cantavano su è giù in un palazzo trasformato in set».

Un’acrobazia registica che regala agli spettatori più piani di lettura: la storia e il work in progress delle riprese, per una pellicola pensata in bianco e nero, e poi a colori, con una pasta d’epoca di gusto anni Sessanta. «Gli spettatori si accorgeranno che di tanto in tanto, lo sguardo dei cantanti finisce fuori campo, in cerca di un qualche punto. Seguono il maestro, in una rete fitta di monitor che garantisce il contatto, anche a distanza. Ecco, io amo quei piccoli sguardi perché svelano l’essenza del film. Un qualcosa di folle».

Il cast

Rodolfo è interpretato da Jonathan Tetelman, Federica Lombardi veste i panni della dolce Mimì. Nelle parti di Musetta e Marcello sono impegnati rispettivamente Valentina Naforniţă e Davide Luciano. Schaunard è Roberto Lorenzi, Colline è Giorgi Manoshvili. Ancora nel cast troviamo Armando Ariostini (Benoît), Bruno Lazzaretti (Alcindoro), Giordano Massaro (un venditore ambulante), Vinicio Cecere (Parpignol), Daniele Massimi (un doganiere) e Alessandro Fabbri (sergente dei doganieri). Il Coro del Teatro è diretto da Roberto Gabbiani.

 Le luci

La produzione dell’opera, su libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica, ispirato al romanzo Scènes de la vie de Bohème di Henri Murger, è arricchita dai costumi di Anna Biagiotti, mentre Pasquale Mari firma le luci.

Il Circo Massimo

Si vedranno il Circo Massimo imbiancato di neve, i vicoli di Trastevere, ma anche Parigi. «Non è importante il luogo. Siamo negli anni Sessanta, in un altro tempo bohémien, in un clima pre ‘68, con quella giovinezza ribelle che poi è confluita nei film della Nouvelle Vague. Perché l’amore, la giovinezza, la ribellione, sono i temi di Bohème». Con una Mimì tutto meno che moribonda. «Il mio modo rileggere le figure femminili che metto in scena. Tutte le eroine del melodramma nascono in tempi in cui posizioni poco consone alla morale comune erano scomode da digerire. E quindi venivano trasformate in vittime sacrificali. Secondo me è venuto il tempo di guardare a queste donne con tutta un’altra carica».

© RIPRODUZIONE RISERVATA