ANTONELLA CLERICI

Antonella Clerici, lo sfogo a Verissimo: «Mi hanno tolto la televisione ingiustamente»

Venerdì 13 Settembre 2019

Periodo professionale delicato per Antonella Clerici. «Mi manca un pò la tv perché mi è stata tolta in maniera ingiusta, brusca e senza motivazione. Mi manca di non poter avere della progettualità, se non per cose piccole, quando ero abituata a cose più importanti», ha detto la conduttrice a Verissimo. Nella prima puntata del talk show di Canale 5 racconta: «Alla fine ho pensato che è giusto così. Mi fermo, rifletto e magari mi vengono delle idee. Per cui tra poco sarò pronta per nuove e grandi avventure».

Antonella Clerici, a sorpresa a Mediaset con Gerry Scotti. Fan entusiasti: «Cosa bolle in pentola?»
Antonella Clerici, giornalista e conduttrice: è tra i volti tv più amati di sempre dagli italiani

Sul perché stia succedendo questo, la conduttrice risponde a Silvia Toffanin: «Sono 34 anni che sono in Rai e negli anni si avvicendano tante persone, non puoi piacere a tutti. Arriva magari un direttore che ama di più altre persone. Però non è che vedo fenomeni. Io non chiedevo molto, solo di fare ciò che già facevo. Mi ero già tolta dal quotidiano». E proprio ricordando il suo addio alla «Prova del cuoco», dopo 18 anni, Antonella confessa: «Se penso a Fabrizio (Frizzi ndr) quando è venuto a trovarmi il giorno del mio compleanno, il 6 dicembre, e che dopo tre mesi lui non c'era più, ecco questa cosa mi ha forse fatto scegliere una vita più privata, più legata alle cose importanti della vita, perché per me è stato un vero choc. Quello che è successo a lui ha accelerato delle scelte che forse avrei dovuto fare con più calma, ma io non sono così. Ho fatto quello che mi sentivo in quel momento».
 

Infine, alla domanda se vede il suo futuro in Rai o altrove, Antonella dichiara: «Fino a giugno in Rai. Istintuale come sono, quando succedono queste cose io vorrei buttare tutto e andarmene. Poi però mi sono detta di non fare scelte affrettate e di pensare bene a quello che voglio fare. Quello che conta sono i progetti e adesso penso ad un progetto che sia giusto per me e andrò dove lo potrò fare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La Roma di Max Pezzali: questa città è difficile, ma ci vivrei

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma