Rugby, Sei Nazioni: la Scozia ridimensiona la capolista Francia

Domenica 8 Marzo 2020 di Christian Marchetti
C'era una volta la Francia. Vien da metterla così, perché la squadra che perde a Murrayfield, 28-17 dalla Scozia, è squadra pasticciona, a tratti svogliata ed eccessivamente indisciplinata. Un'altra rispetto a quella fino a 80 minuti prima gioia per gli occhi del Sei Nazioni 2020. Anzi, nel solo primo tempo rimedia un giallo, con Cros, e un rosso, per colpa di una follia di Haouas, per poi disputare 43 minuti con l'uomo in meno. Si aggiunge poi la sfortuna, con l'uscita per infortunio di Ntamack dopo appena 8 minuti. Chat, invece, infortunato in fase di riscaldamento, neanche scende in campo e provoca involontariamente grattacapi per le scelte in prima linea. A livello di classifica si traduce con 4 punti per gli Highlanders, ora addirittura terzi; 0 per i Bleus che restano comunque in testa alla classifica e sabato prossimo ospiteranno l'Irlanda. Questo, ovviamente, oltre che emergenza Covid-19 permettendo, aspettando le due gare che Irish e Inghilterra dovranno recuperare contro l'Italia.
Che sia una brutta giornata per i transalpini lo si intuisce già al 3', con un piazzato sbagliato da Ntamack causa vento. Poi arriva il giallo a Cros, reo di un placcaggio pericoloso su Gilchrist. Vivace in attacco, soprattutto al cospetto di una difesa incerta, dalla prima superiorità la Scozia ricava tre punti grazie a un piazzato di Hastings. Quest'ultimo replica al 19', con il match tornato 15 contro 15. Sotto 6-0, gli ospiti reagiscono con la bella meta di Penaud: calcio splendido per precisione di Dupont che con gli occhi istallati sulla nuca vede la sua ala arrivare come un fulmine. A quest'ultimo non resta che raccogliere e schiacciare in bandiera. Fa 7-6 con la trasformazione di Jalibert. E' partita fino al 37', quando uno scatenato Haouas ingaggia una inutile scazzottata (non che ve ne siano di utili, ovvio, ma è comunque gesto più che censurabile a questi livelli) con Ritchie.
La meta che chiude il primo tempo, come quella che apre il secondo, sono entrambe a firma di Maitland con due poderose volate in bandiera. Nel primo caso sulla fase successiva a una splendida percussione di un Hastings in forma straordinaria; nel secondo dopo che il capitano Hogg crea il panico nella retroguardia francese. Punteggio a quel punto 21-7. Jalibert rosicchia qualcosa da una facile piazzola per il 21-10, ma gli uomini di Gregor Townsend non si fermano qui. Al 64', gli avanti francesi pasticciano clamorosamente in touche fuori dalla propria ventidue, McInally raccoglie e marca per il 26-10 (28-10 con il piede fatato di Hastings). Persa la partita, gli ospiti cercano quantomeno il bonus difensivo ma la segnatura pesante arriva solo al 76', con Ollivon, del quale si apprezza il grande dinamismo che lo porta a ripartire dalla base di una ruck sotto i pali e a eludere due placcatori. Jalibert ritocca per il 28-17. Da lì in poi la Scozia va in carrozza e Murrayfield festeggia.

3' cp sbagliato Ntamack 0-0
5' giallo a Cros
11' cp Hastings 3-0
19' cp Hastings 6-0
33' m Penaud 6-5
33' tr Jalibert 6-7
37' rosso a Haouas
37' cp Hastings 9-7
40'+ 1' m Maitland 14-7
40'+ 1' tr sbagliata Hastings 14-7
--- 
45' m Maitland 19-7
45' tr Hastings 21-7
61' cp Jalibert 21-10
64' m McInally 26-10
64' tr Hastings 28-10
76' m Ollivon 28-15
76' tr Jalibert 28-17 © RIPRODUZIONE RISERVATA