Formula 1, l'assalto della Ferrari alla Mercedes parte dalle qualifiche

Lunedì 12 Marzo 2018 di Claudio Russo
Mercedes o Ferrari? Oppure qualche altra squadra a fare da terzo incomodo? Sono questi gli interrogativi che i tifosi della F1 si pongono in questo momento. Mancano 14 giorni all'inizio del Mondiale fissato per domenica 25 marzo a Melbourne con il GP d'Australia. Dopo due sessioni di test a Barcellona e migliaia di chilometri percorsi, un'analisi approfondita degli indizi, porta a una conclusione: la corazzata tedesca appare ancora come la squadra da battere. Ma, come sempre, la speranza porta a sognare in un campionato aperto e combattuto sino all'ultima gara. La rossa SF71H ha fatto registrare una serie di record sul giro secco in quelle che potrebbero essere state delle simulazioni di qualifica. Ma sul passo-gara, soprattutto con le gomme medie, le W09 tedesche sono nettamente le migliori.
IL NASCONDINO
Molti sostengono, lo fa anche Fernando Alonso, che tutte le squadre nel circuito di Montmelò si siano nascoste, cioè non abbiano fatto apparire tutta la loro competitività. E i fan del Cavallino si augurano che anche la Scuderia di Maranello abbia in serbo qualche sorpresa. La Ferrari ha lavorato di più sul giro cronometrato perché era il suo punto più debole. I tecnici diretti da Mattia Binotto avevano bisogno di capire se l'allungamento del passo della monoposto (il cambiamento maggiore rispetto all'anno scorso) era azzeccato. C'era anche la necessità di valutare la diversa configurazione della SFH71 obbligata dall'adozione del sistema di protezione Halo che comporta non poche modifiche aerodinamiche. Sembra che l'esito sia stato positivo.
TERZO INCOMODO
Le due grandi rivali dovranno comunque guardarsi dalla Red Bull che porterà già a Melbourne una versione aggiornata delle vetture di Verstappen e Ricciardo. Molto però dipende dalla Renault che monta i suoi motori sulle RB14 e sulle McLaren di Alonso e Vandoorne. Il team francese ha mostrato di aver fatto notevoli passi avanti e dispone di due piloti forti come Hulkenberg e Sainz, ma sembra avere meno potenza rispetto a Mercedes e Ferrari. La McLaren ha avuto diversi problemi con la power unit transalpina, però è stata veloce. Lo stesso ha fatto, con i motori Honda ereditati dal team di Woking, la Toro Rosso che, così come la Haas con i Ferrari, è in crescita. La verità, comunque, verrà a galla in Australia. © RIPRODUZIONE RISERVATA