Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Zoff: «Banks era il mio idolo, meritava il pallone d'oro»

Zoff: «Banks era il mio idolo, meritava il pallone d'oro»
1 Minuto di Lettura
Martedì 12 Febbraio 2019, 17:24
«Gordon Banks era il mio idolo da giovane. Ho appreso della sua morte con enorme tristezza. Per me è stato tra i più grandi portieri in assoluto, tra i pali ne ho visti pochi come lui». Così Dino Zoff commenta la scomparsa del portiere inglese Gordon Banks, ai microfoni di 'Palla al Centrò su Rai Radio 1 Sport. «Resta indimenticabile non solo la sua vittoria al Mondiale del 1966, ma in particolare la mitica parata su Pelè - ricorda l'ex portiere e ct azzurro, a sua volta campione del mondo nel 1982 -. E chi se la scorda, specie se pensate che difficilmente le gesta di noi portieri vengono ricordate. Io, ad esempio, sono spesso celebrato per una bella parata ai Mondiali '82. Sono soddisfazioni, anche perchè, purtroppo, quello del portiere è un ruolo che difficilmente riceve premi come il Pallone d'Oro. Un premio che Banks avrebbe meritato. E allora ben vengano simili celebrazioni per lui», conclude Zoff.
© RIPRODUZIONE RISERVATA