Roma, El Shaarawy: «Torneremo quelli di inizio stagione. I Friedkin hanno un progetto ambizioso»

«Con Abraham e Mourinho la proprietà ha fatto capire le loro intenzioni»

Roma, El Shaarawy: «Torneremo quelli di inizio stagione. I Friedkin hanno un programma ambizioso»
di Gianluca Lengua
3 Minuti di Lettura
Giovedì 18 Novembre 2021, 13:50

«Siamo dentro un processo di crescita che coinvolge tutti, c’è un programma ambizioso da parte della società e c’è grande voglia di riscatto». Stephan El Shaarawy rassicura la piazza dopo l’andamento altalenante della squadra che ha intaccato risultati e classifica. Domenica sera la Roma affronterà il Genoa al Ferraris e sarà l’opportunità per rimettersi in carreggiata: «A livello di squadra dobbiamo rialzarci per tornare quelli che eravamo a inizio stagione. Non è stato un periodo semplice, ma solo preparando bene le partite e dando qualcosa in più sul campo, con la qualità e con il cuore, possiamo riprenderci. Il Genoa può essere una buona opportunità per rialzarci e fare un filotto di partite positive».

Roma, l'ora delle scelte: il gm ​Pinto frena sul mercato di gennaio

El Shaarawy, messaggio sulla proprietà

Con 90 milioni spesi sul mercato e un tecnico come Mourinho, la proprietà ha dato un segnale forte in termini di ambizioni: «Ce la fanno sentire giorno dopo giorno, sono presenti e lo fanno attraverso i fatti, non solo con le parole: hanno preso uno degli allenatori più forti di sempre e non hanno esitato a investire su un calciatore del calibro di Abraham. Non era semplice gestire la situazione, perché dovevano sistemare diversi calciatori fuori rosa. Ogni giorno ci fanno capire quanto sia importante arrivare in Champions quest’anno e noi non possiamo far altro che ripagare la fiducia facendo al meglio il nostro lavoro».

«Mourinho? Segnale di progetto serio e ambizioso»

E a proposito di Mourinho, il processo per cambiare mentalità è in atto: «Il suo annuncio era del tutto inaspettato. Ma poi ho capito che la società stava lavorando su un progetto serio e ambizioso. È un progetto a lungo termine, è vero, ma noi siamo professionisti e dobbiamo impegnarci fin da subito per trovare dei risultati positivi nel giro di poco tempo. E avere un allenatore come lui ti stimola tantissimo a dare sempre qualcosa in più. È un grande motivatore e ha creato un rapporto con tutti qui a Trigoria, non solo con i giocatori. È un piacere ascoltarlo, sa caricarti nella maniera giusta. Ha un contratto di tre anni e speriamo di averlo più a lungo possibile con noi. Con lui ho avuto una grande sintonia da subito e anche con il suo staff, molto preparato, che noi seguiamo molto. Navighiamo tutti nella stessa direzione e questa è la cosa più importante».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA