Ceferin: «Da parte della Uefa linea dura sul razzismo»

Martedì 15 Ottobre 2019
La «famiglia del calcio» deve dichiarare guerra ai razzisti, ma anche i governi «devono fare di più» per affrontare «un flagello» che si riteneva debellato e che invece col diffondersi «dei nazionalismi in Europa» è stato di nuovo alimentato: lo ha dichiarato oggi il presidente della Uefa Aleksander Ceferin, commentando quanto successo ieri sera a Sofia. L'incontro di qualificazione a Euro 2020 tra Bulgaria e Inghilterra è stato sospeso due volte a causa degli insulti razzisti all'indirizzo dei giocatori inglesi di colore.

«Solo lavorando assieme nel nome del rispetto e della dignità possiamo ottenere risultati positivi - le parole di Ceferin, affidate ad un comunicato stampa sul sito Uefa -. C'è stato un tempo, non lontano, nel quale la famiglia del calcio pensava che il flagello del razzismo fosse ormai passato. Gli ultimi anni ci hanno insegnato che non è così. La crescita dei nazionalismi nel continente ha alimentato comportamenti inaccettabili, e c'è chi ritiene che gli stadi siano il luogo adatto per esprimere le loro vergognose opinioni».

«Come organo di governo, so che non vinceremo nessun concorso di popolarità - ha sottolineato Ceferin -. Ma alcune delle opinioni espresse sull'approccio della UEFA alla lotta contro il razzismo sono state molto lontane. La UEFA, in stretta collaborazione con la rete Football Against Racism Europe, ha istituito il protocollo in tre fasi per identificare e affrontare il comportamento razzista durante le partite. Le nostre sanzioni sono tra le più dure nello sport, per i club ele federazioni i cui tifosi hanno comportamenti razzisti nelle nostre partite. La sanzione minima è una chiusura parziale dello stadio - una decisione che costa ai padroni di casa perdite di entrate nell'ordine di centinaia di migliaia di euro, e attribuisce uno stigma ai sostenitori».

La Uefa, prosegue il suo presidente, «è l'unico ente calcistico a squalificare per dieci partite un giocatore che si macchi di comportamento razzista, ed è la massima sanzione di gioco. Credetemi, la UEFA si impegna a fare tutto il possibile per eliminare questa malattia dal calcio. Non possiamo permetterci di accontentarci di questo; dobbiamo sempre sforzarci di rafforzare la nostra lotta. Più in generale, la famiglia del calcio - tutti, dagli amministratori ai giocatori, agli allenatori e ai tifosi - deve lavorare con i governi e le ONG per condurre una guerra contro i razzisti ed emarginare le loro opinioni disgustose ai margini della società». «Le stesse federazioni calcistiche - conclude però Ceferin - non possono risolvere questo problema. Anche i governi devono fare di più in questo settore. Solo lavorando insieme in nome della decenza e dell'onore faremo progressi». 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lozzi e il derby dei Casamonica, da Virginia solo una passerella

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma