Lazio, operazione incasso. Dopo gli acquisti Tare punta alle uscite

Sabato 6 Luglio 2019 di Alberto Abbate
Prego, è lì la porta. C’è una Lazio in uscita, Tare adesso prende la ricorsa per mettere all’angolo chi non si dà una mossa. Ieri il diesse era a Londra: si era sparsa la voce di un ritorno di fiamma dello United per Milinkovic, ma in realtà non c’è nessuna trattativa, pure se dalla Premier si spera in qualche offerta. Anche Radu ha declinato l’Atalanta perché non vuole giocare contro la Lazio in Italia e vaglia solo la pista estera. Non vuole però scegliere di fretta, per questo rischia di restare ad allenarsi a Formello da fuori rosa. Si aspettava d’avere un chiarimento con Inzaghi e la società, invece nulla. Accantonato il discorso Marsiglia, è seria la trattativa per Durmisi (in prestito) al Besiktas: anche lui aveva fatto resistenza, ma con Lulic, lo sbarco imminente di Jony e il rilancio di Lukaku, sarebbe stato la quarta scelta. Meno male che almeno, a questo punto, la Lazio ha sgombrato in parte la fascia destra: Romulo non è stato riscattato dal Genoa, Marusic sarà la riserva, Lazzari arriverà nella capitale domani sera. Visite prenotate per lunedì mattina in Paideia. Nell’affare con la Spal, il club biancoceleste si è “liberato” di Murgia, con una prelazione per il controriscatto in futuro per l’ex Primavera. A proposito: Palombi alla Cremonese, risolto il prestito biennale di Lombardi al Venezia. Ora si lavora incessantemente su ogni piccola e grande uscita. Bisogna sfoltire urgentemente la rosa. In teoria Casasola e i due Anderson rientreranno da Salerno e dovrebbero essere testasti ad Auronzo. Ma Inzaghi acconsentirà a farlo soltanto se rientreranno in numero di 30 elementi in ritiro. Il tecnico pretende giustamente di potersi concentrare su ogni nuovo acquisto. In difesa è arrivato intanto lo spilungone Vavro: ieri ha completato i test all’Isokinetic, è ripartito e si ripresenterà direttamente martedì al raduno. Anche nella retroguardia però adesso va fatto qualche taglio: dopo la Coppa d’Africa, avrà qualche giorno di vacanza in più Bastos, ci sono sopratutto Wallace e Patric sull’uscio. Nulla di fatto per il primo al Flamengo, sul secondo si sta trattando. Si era parlato del Benfica e anche della Fiorentina. La stessa squadra che vorrebbe riportare Badelj a casa, ma senza doversi ricomprare il cartellino perso a zero appena un anno fa. 

VERITÀ
Va ancora sfoltita la mediana, ma dovrebbe restare alla fine Berisha (Inzaghi però non lo vuole in ritiro). Anche se si erano sparsi rumors di un possibile ritorno a Salisburgo, in prestito o addirittura come conguaglio per Szoboszlai: «Ma non ci sono novità al momento. Smentisco categoricamente una visita del mio assistito in Italia – spiega l’agente Esterhazy - trovandosi lui già in ritiro col club austriaco». E’ il sogno di Tare, ma da tempo il diesse ha spostato le sue attenzioni su Yakici per il dopo Milinkovic. Il problema è che la situazione di stallo per Sergej rischia di complicare ogni piano pure per lui. Il Lille sarebbe tornato infatti alla carica per il centrocampista turco con 20 milioni al Trabzonspor, la Lazio rischia di subire dopo Wesley un altro scacco. Per questo serve il prima possibile chiarezza sul futuro del serbo e anche su quello di Luis Alberto. Da qui gli incontri con i rispettivi entourage per fare un punto della situazione e poter agire con le idee più chiare. Lotito vuole sapere quali siano le loro motivazioni, anche alla luce di alcune parole ed atteggiamenti. 

MILLE ABBONAMENTI
Insomma la società adesso passa all’attacco, dove è convinta anche di poter trattenere Caicedo. Anche se ieri a Londra, Tare ha avuto un contatto con il Leeds di Bielsa. Se Flipao accettasse la Championship, a circa 10 milioni anche per lui si aprirebbe la porta. Capitolo abbonamento: in appena un giorno e mezzo staccate già mille tessere. 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani