Lazio, Cataldi capitano per una notte non sfigura a Cipro

Giovedì 29 Novembre 2018 di Valerio Cassetta
Una notte con la fascia. Danilo Cataldi 1361 giorni dopo torna ad indossare i gradi di capitano della Lazio. La prima volta accadde il 9 marzo 2015. I biancocelesti vinsero 4-0 contro la Fiorentina e, a risultato acquisito, Mauri e Radu decisero di affidargli la fascia. Un’emozione forte, come quella di questa sera in casa dell’Apollon Limassol. Con Lulic in panchina è toccato a lui vestire i galloni di capitano. Una grande responsabilità per il classe ‘94, cresciuto nel vivaio biancoceleste. Cataldi, che vanta ben due Europei con l’Italia Under21, si è fatto sentire con l’arbitro al momento giusto e ha spesso spronato i compagni. Non solo, Cataldi si è mosso bene anche in campo sia nel ruolo di regista che in quello di mediano in un centrocampo a quattro. Una delle poche note positive nella sconfitta di Cipro per 2-0, che impedisce alla Lazio di sognare il primo posto nel girone, ormai matematicamente assegnato al Francoforte con 15 punti. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il senso del Papa al Messaggero

Colloquio di Virman Cusenza e Alvaro Moretti