Lazio, Kostic e Basic: Lotito accelera per accontentare Sarri

foto Rosi
di Daniele Magliocchetti
2 Minuti di Lettura
Lunedì 9 Agosto 2021, 07:35 - Ultimo aggiornamento: 15:18

La settimana più importante. E delicata. La Lazio ha in mano Basic e Kostic, ma ancora non può definire i loro ingaggi perché deve aspettare l’uscita di Correa. La prima opzione è quella della cessione dell’argentino, ma se si dovesse andare avanti in questo modo e senza vie d’uscita, per la prima volta Lotito potrebbe pensare di inserire soldi nelle casse della società e smuovere tutto. Ma è una possibilità remota e solo nel caso in cui ci dovesse essere l’emergenza. In mezzo a tutto questo c’è Sarri che pressa per avere giocatori nuovi, nell’amichevole col Twente ci sono stati piccoli miglioramenti, ma è lampante che al tecnico servano innesti nuovi per dare ancora più valore al suo lavoro.
I DUE ARRIVI
Da tempo, il direttore sportivo Tare ha un accordo con l’entourage di Toma Basic e, da circa una decina di giorni, una stretta di mano con il Bordeaux per un’intesa sul cartellino del croato sulla base di 7 milioni di euro più 1,5 di bonus. Ieri il mediano ha giocato la prima di campionato con il Clermont, restando in campo ottantuno minuti. Dalla Germania, inoltre, il dirigente albanese è tornato con un accordo per Kostic con l’Eintracht di Francoforte. L’esterno serbo, che tanto entusiasma il Comandante, verrà in prestito, forse pagando 1,5 milioni di euro, con l’obbligo di riscatto a giugno del 2022 a circa 20-22 milioni. Ad entrambi i giocatori sarà garantito un contratto di cinque anni, 1,4 a stagione per Basic, mentre 2,2 per il serbo. Per tutti e due la Lazio usufruirà del decreto crescita in modo tale che i loro stipendi pesino il meno possibile sul bilancio.
L’USCITA DEL TUCU
Come si sa molto è legato alla cessione di Correa. Su di lui si stanno muovendo tante società. Tra queste c’è l’Inter con Inzaghi che spinge, ma, allo stato attuale, è quella che sta più indietro e, forse, la meno convinta. L’ex allenatore spinge per avere l’argentino, ma i 40 milioni di euro chiesti da Lotito rischiano di essere un ostacolo importante, a meno che davvero i nerazzurri non cedano Lautaro. A quel punto cambierebbe tutto. A soffiare sul biancoceleste sono le squadre inglesi. Il Tottenham di Paratici è in grande ascesa, ma offre 25 milioni più bonus, cifra simile anche per Everton, Leicester e in fanalino di coda pure Aston Villa. La certezza è che la Lazio con Correa o senza, si metterà nelle condizioni di accontentare Sarri. E’ questo quello che ha promesso Lotito al tecnico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA