Il Chievo riparte, 2-0 al Pisa e playoff vicini con lo sprint di Canotto. Due legni toscani con Sibilli

Lunedì 12 Aprile 2021 di Vanni Zagnoli
Il Chievo riparte, 2-0 al Pisa e playoff vicini con lo sprint di Canotto. Due legni toscani con Sibilli

Il Chievo torna a vincere dopo 5 gare, è solo alla 3° successo in 11 partite, comunque basta per mantenere la zona playoff, tantopiù che ha un match in meno. E’ a +4 sul Brescia e sulla Reggina. Il 2-0 lascia il Pisa a una vittoria in 6 incontri, era all’ultima chance per rientrare in corsa per gli spareggi, per la salvezza non ha problemi, con 6 punti di margine a 5 giornate dal termine e pure con un incontro da recuperare. La nuova proprietà americana sperava in qualcosa di più.

A Verona è inferiore, al di là dei due legni colti da Sibilli. In panchina ha Riccardo Taddei, per le due giornate di squalifica a Luca D’Angelo, per le proteste dopo la sconfitta di Lecce.

Diluvia allo stadio Bentegodi, il Chievo passa al primo attacco, Mogos libera a destra Canotto, dimenticato dalla difesa a 3 del Pisa, calcia, la respinta di Gori è imperfetta, Garritano segna la 7^ rete in stagione. Canotto resta molto ispirato, sulla fascia destra, prosegue nel solco della splendida stagione scorsa, alla Juve Stabia, al di là della retrocessione. Mogos non arriva per il raddoppio, la replica nerazzurra arriva con la punizione di Mazzitelli, non lontana dalla traversa. Piace Samuele Birindelli, come spesso, nel Pisa, sulla destra spinge che è un piacere, magari accompagnato da Siega. Il figlio di Alessandro Birindelli, buon ex juventino, arriva anche al tiro. Prosegue il duello a distanza con Canotto, che sfugge a Pisano e impegna seriamente Gori. E poi aziona il contropiede di Obi, il portiere respinge e Djordjevic incredibilmente sbaglia. Sull’angolo il serbo coglie la traversa. Canotto ha davvero un passo da serie A, a destra, fa ammonire Mazzitelli e Marsura, peraltro in mezzo è rimproverato dall’allenatore Aglietti per un numero fine a se stesso: Mazzitelli, Lisi e Pisano faticano davvero a contenerlo.

Il campo enfatizza gli scontri, sono frequenti, il Pisa nel secondo tempo passa alla difesa a 4 e porta a sinistra Birindelli. Aglietti fa entrare Di Gaudio, 5 promozioni all’attivo, l’ultima allo Spezia, ma non tutte da protagonista, e Manuel De Luca. Resta in campo Cotali, uno dei migliori, sono loro a costruire il raddoppio. Di Gaudio in fascia per Cotali, sfuggito a Birindelli, De Luca sotto misura non perdona.

Sibilli coglie un altro palo, da angolo complicatissimo. Gucher, subentrato, fra i toscani, non trova il rigore: il possesso palla è stato un po' fine a se stesso. Nel finale l’uno contro uno di Ciciretti porta alla parata di Gori. Semper dice no all’ultima chance, del solito Sibilli. E’ stato un buon posticipo di serie B, Aglietti ha tutta l’intenzione di essere protagonista, nei playoff, come nello scorso biennio. 

 

 

 

 

 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA