Francia, la Federcalcio: «No sospensioni» per cori omofobi

Venerdì 6 Settembre 2019
Il presidente della Federcalcio francese, Noel Le Graet, protesta contro le sospensioni, sempre più numerose, di partite di calcio anche in Ligue 1 a causa di cori omofobi negli stadi annunciando che d'ora in poi si dovrà cambiare strategia. «Si sospendono troppe partite - ha detto Le Graet intervistato dal quotidiano Ouest-France - magari a qualche ministro fa piacere, ma a me dà fastidio. Il calcio non può essere preso in ostaggio da cori volgari». «Alcuni incontri - continua il capo del calcio francese - sono stati sospesi e non lo meritavano. In Federazione daremo nuove istruzioni agli arbitri. Si interverrà in presenza di una manifestazione omofoba costante, con tutto lo stadio coinvolto. Ma quando, su 30.000 persone, ci sono 2.000 imbecilli, non voglio che gli altri 28.000 vengano puniti». Dall'inizio della stagione, diversi incontri sono stati brevemente interrotti in Ligue 1 e Ligue 2 fino all'esaurimento dei cori omofobi o al ritiro di striscioni offensivi. Decisioni salutate con soddisfazione dalla ministra dello Sport, Roxana Maracineanu, da quella per la Lotta alle discriminazioni, Marlene Schiappa, e dalle associazioni anti-omofobia. Ultimo aggiornamento: 19:39


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Livercool vs A.C. Tua, quando il Fantacalcio imbarazza il nonno

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma