Buffon scuote la Juventus: «Nessun litigio, si cerca di destabilizzare»

Martedì 24 Aprile 2018
«Abbiamo dilapidato cinque punti importantissimi negli ultimi giorni, ma siamo sempre primi seppur con un margine di vantaggio risicato. Dobbiamo cercare di portarlo a fine corsa, questo è il nostro obiettivo e il nostro dovere». Gigi Buffon carica la Juventus in vista della volata scudetto con il Napoli, tornato a un solo punto in classifica dai bianconeri grazie alla vittoria nello scontro diretto di domenica scorsa. «Una rincorsa di nove mesi come quella di quest'anno porta un enorme dispendio di energie fisiche e mentali, ma ora mancano venti giorni alla fine e quindi dobbiamo arrivare al limite delle nostre potenzialità -sottolinea il capitano bianconero ai microfoni di Juventus Tv-. Se poi gli altri saranno più bravi di noi faremo loro i complimenti, perché in un campionato di 38 partite chi vince, l'avrà meritato. Ma questo è un pensiero ancora molto lontano».

D'ora in avanti i bianconeri dovranno affrontare ogni partita come se fosse una finale, a cominciare dalla gara di sabato a San Siro: «Quella con l'Inter è una sfida decisiva, ma lo saranno anche quella con il Bologna, con la Roma, il Verona...E ci sarà la finale di Coppa Italia Sono venti giorni nei quali dobbiamo tornare in campo con ferocia e brutalità sportivà - dice ancora Buffon - e nei quali dovremo essere tutti uniti, altrimenti si fa il gioco degli avversari e di chi, nei pochi nostri momenti di difficoltà, ha sempre cercato con notizie tendenziose di creare dei problemi, senza mai riuscirci. Vorrei che anche in questo caso noi come squadra e il popolo juventino riescano a compattarsi e a creare quel muro di protezione che ci permetta di vivere questi venti giorni da vera Juve».
  Ultimo aggiornamento: 16:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA