Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Dal Basket all'Oscar, Kobe Bryant l'ennesima vittoria

Dal Basket all'Oscar, Kobe Bryant l'ennesima vittoria
di Redazione Sport
1 Minuto di Lettura
Lunedì 5 Marzo 2018, 14:54

Kobe Bryant ha fatto nuovamente storia portando l'Oscar al miglior cortometraggio d'animazione assegnato a «Dear Basketball», basato sulla sua stessa storia. Il titolo del film si riferisce alla lettera di addio che la star ha pubblicato nel 2015 in «The Player's Tribune» e in cui ha annunciato il suo addio al basket giocato. «In realtà, si suppone che i giocatori di basket dovrebbero tenere la bocca chiusa e fare finta, sono contento che stiamo facendo molto di più», ha detto l'ex campione dei Los Angeles Lakers sul palco del Dolby Theatre. Inoltre, il documentario «Icarus» (Bryan Fogel) ha conquistato l'Oscar nella sua categoria per aver indagato sull'ombra oscura del doping. Il film, che è stato anche il primo Oscar per la piattaforma Netflix, ruota intorno allo scandalo internazionale scoppiato dopo le accuse di Grigory Rodchenkov, ex capo dell'agenzia antidoping russa, a importanti atleti del suo paese. Infine, anche se non ha vinto nella categoria regina e non ha ottenuto l'Oscar come miglior attrice, il biopic sulla pattinatrice americana Tonya Harding ha avuto il suo posto nella lista dei vincitori della serata. Allison Janney ha vinto il premio nella categoria attrice non protagonista per aver incarnato la madre della campionessa olimpica in «Yo, Tonya», con Margot Robbie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA