Roma, «Co' core cantiamo la tradizione della Capitale»: l'Orchestraccia torna in concerto: stasera al parco Schuster

Domenica 2 Settembre 2018
Sul palco per cantare e narrare «co' core» tutta la romanità della Capitale. Torna in scena l'Orchestraccia, il gruppo itinerante "folk-rock" formato da Marco Conidi, Edoardo Pesce, Luca Angeletti e Giorgio Caputo, che questa sera si esibirà al parco Schuster (appuntamento alle 21.30). Nata dall'idea e dalla voglia di attori e cantanti di unire le loro esperienze reciproche e confrontarle cercando una formula innovativa di spettacolo nel panorama italiano, l'Orchestraccia rappresenta sulla scena un unicum in grado di dare vita a una forma che comprende musica e teatro in una lettura assolutamente attuale usando delle misture di suono estremamente moderne, dal dub, al punk-rock al patchanka.

L'Orchestraccia fa cantare, ballare, ridere, riflettere, commuovere: lo spunto è prendere dal folk degli autori romani tra Ottocento e Novecento tutte quelle canzoni e poesie che sono patrimonio della cultura italiana e che sono nell'immaginario tradizionale collettivo di ognuno di noi. Dimostrando la loro attualità e la loro freschezza rivisitandone gli arrangiamenti, canzoni come «Alla renella» o «Fortunello» sembrano scritte oggi, così come le poesie di Belli e di Pascarella, delineando il ritratto di un paese che evidentemente nei confronti degli oppressi e delle fasce più deboli si è sempre comportato in una maniera prevaricatrice ed arrogante. A tutto questo si aggiungono anche degli inediti, che ben si sposano alle storie dei ragazzi di oggi. © RIPRODUZIONE RISERVATA