Filarmonica della Scala: Constantinos Carydis e Magdalena Kožená tra Mahler e Šostakovič

Sabato 11 Gennaio 2020
Magdalena Kožená
Constantinos Carydis e Magdalena Kožená tra Mahler e Šostakovič. La Stagione di concerti della Filarmonica della Scala riparte lunedì 13 gennaio alle ore 20 con il debutto del direttore greco Constantinos Carydis: vincitore del premio “Carlos Kleiber” della Bayerish Staatsoper di Monaco nel 2011, Carydis si è imposto rapidamente sul podio sia in ambito operistico che sinfonico.

Gradito ritorno per il pubblico scaligero è quello del mezzosoprano ceco Magdalena Kožená come interprete dei Rückert-Lieder di Mahler, che la cantante ha di recente inciso con i Berliner Philharmoniker e Simon Rattle.

In programma anche Blumine, pagina luminosa che Mahler estrasse dalla sua Prima Sinfonia per farla vivere di vita propria. Il concerto si apre con Tafì (Sepoltura) brano del 1915 in ricordo del compositore e direttore greco Dimitri Mitropoulos nel 60° anniversario della scomparsa (si spense il 2 novembre 1960 proprio durante le prove di un concerto al Teatro alla Scala).

Nella seconda parte Carydis dirige la Sinfonia n. 9 in mi bem magg. op. 70 di Dmitri Šostakovič.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Divisioni a due cifre: ricordate? Incubo per studenti (e genitori)

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma